Il numero dei nuovi casi di coronavirus cala leggermente rispetto a ieri, quando erano stati 1.766, ma ad accompagnare questa leggera flessione che ha portato il dato giornaliero a 1.494 c’è una netta diminuzione del numero dei tamponi effettuati: 51mila nelle ultime 24 ore, 36mila in meno rispetto a ieri, con le ultime settimane che hanno spesso fatto registrare circa 100mila test al giorno. È questo il dato più significativo tra quelli contenuti nell’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute, nel quale si legge che sono 16 le vittime registrate nell’ultima giornata, con il totale dei decessi che sale così a 35.851. Il numero delle persone attualmente malate torna sopra le 50mila, a 50.323, 705 in più rispetto a ieri, un numero che non si registrava dal 27 maggio quando furono 50.966.

Il numero dei casi individuati dall’inizio della pandemia sale così a 311.364, con Campania (+295), Lazio (+211) e Veneto (+183) che risultano essere le regioni più colpite nell’ultima giornata, anche se nessuna, in Italia, è rimasta a contagi zero nelle ultime 24 ore.

Altro dato da monitorare per la tenuta del sistema sanitario è quello relativo ai ricoveri: continua a crescere il numero delle persone nei reparti Covid di tutta Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati dieci i posti occupati in terapia intensiva rispetto al giorno prima, con il totale che sale così a 264. Crescono invece di ben 231 unità le persone ricoverate in altri reparti, con il totale che arriva a quota 2.977. In isolamento domiciliare ci sono invece 47.082 persone, 564 in più in un giorno. Questo perché ancora il numero dei guariti, 773 nell’ultima giornata per un totale di 225.190, è ancora distante da quello dei nuovi casi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, poliziotti cercano droga ma in casa trovano un violino rubato del Seicento

next
Articolo Successivo

Treviso, 20enne scomparso nel fiume: ritrovato dopo ore in buone condizioni

next