Soltanto uno è sintomatico e ricoverato in ospedale, mentre gli altri sono tutti in isolamento ma non hanno sintomi. Ventotto persone, tra personale e ospiti, sono risultate positive al coronavirus in una casa di riposo a Marsicovetere, in provincia di Potenza. E proprio oggi nel reparto di malattie infettive dell’ospedale San Carlo di Potenza è deceduta una signora di 93 anni che proveniva dalla struttura. È la 29esima vittima legata al Covid nella regione, dove la curva dei contagi è in crescita e nelle ultime 24 ore – scrive la Gazzetta del Mezzogiorno – sono stati registrati 47 nuovi casi.

“La regola che ci siamo dati è quella della prevenzione – ha detto il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi – per questo risulta importante lo screening che stiamo facendo nelle Rsa, tra le forze dell’ordine, tra gli operatori sanitari. Grazie a questo sistema di monitoraggio abbiamo scoperto un focolaio di una trentina di persone positive in una rsa a Marsicovetere. Un dato che non ci deve spaventare. L’Asp ha attuato tutte le misure del caso per prevenire ulteriore contagio”.

Dal primo agosto scorso, quando “quando si sono verificati i primi casi positivi da rientro”, in Basilicata sono stati scoperti 227 casi positivi (13 dei quali sono stati ricoverati nel reparto di malattie infettive e uno in terapia intensiva, “cioè il 6,5 per cento circa di tutti i positivi, al di sotto della media nazionale, che è circa il dieci per cento”).

Nel messaggio ai lucani, Bardi ha sottolineato che dall’inizio di agosto “il numero dei tamponi è stato incrementato di oltre il 50 per cento” e ha definito “del tutto evidente che fino all’arrivo del vaccino dobbiamo continuare a mantenere” le misure di prevenzione che tutti conoscono. “La Regione non ha mai abbassato la guardia e continua a seguire con la massima attenzione il monitoraggio, il controllo e la prevenzione“, campo in cui è diventata “una regione virtuosa portata ad esempio a livello nazionale per come abbiamo contrastato la pandemia“, ha concluso Bardi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolzano, disinnescata bomba di 250 kg della Seconda Guerra Mondiale: le immagini

next
Articolo Successivo

“Va a sbattere sugli scogli”: barca a vela si schianta fuori dal porto di Ostia. Le immagini

next