I vertici della Volkswagen hanno già chiarito qualche giorno fa quale sia l’importanza strategica della nuova ID.4, il primo Suv 100% elettrico della marca tedesca. Ora VW diffonde le prime immagini e i dati tecnici ufficiali del veicolo, parente stretto della ID.3, da cui riprende la base tecnica e motoristica. Lunga 4,58 metri, l’auto sarà inizialmente disponibile nei soli allestimenti ID.4 1st e ID.4 1st Max, con prezzi in Germania a partire da circa 50 mila euro.

“L’ID.4 è un’emozionante tuttofare che impressionerà molti clienti con la sua efficiente trazione elettrica, la generosa quantità di spazio, i moderni sistemi di assistenza e il design potente”, afferma in una nota ufficiale Ralf Brandstätter, amministratore delegato del marchio Volkswagen: “Come prima auto elettrica globale della VW, questo modello lancerà in tutto il mondo la nostra piattaforma modulare a zero emissioni, che è stata sviluppata specificamente per la mobilità a batteria”.

Il design punta sulla pulizia delle forme, pur non disdegnando qualche accenno di sportività, dato dai parafanghi muscolosi, dallo spoiler sul lunotto e dai cerchi di lega da 20″ o 21″. Ma il vero asso nella manica della ID.4, dovuto alla compattezza della meccanica elettrica, è la spaziosità interna e quella riservata ai bagagli: il vano di carico, infatti, offre una capacità che oscilla da 543 a 1.575 litri, raggiungibili abbattendo gli schienali posteriori.

L’abitacolo, reso luminoso dalla presenza del tetto panoramico, è un riuscito mix di minimalismo e digitalizzazione: in plancia spiccano i generosi schermi del sistema infotelematico connesso (con display da 10” o 12” a seconda dell’allestimento) e quello della strumentazione tachimetrica, coadiuvata dell’head-up display con realtà aumentata, che proietta le informazioni all’altezza del parabrezza, nel campo visivo del guidatore.

Il corredo di sicurezza, naturalmente, comprende tutti gli ultimi ritrovati del momento: dalla frenata automatica di emergenza al cruise control adattivo, passando per il mantenimento automatico della propria corsia di marcia. Inizialmente la vettura sarà commercializzata con la sola configurazione a trazione posteriore e motore da 204 Cv di potenza massima, alimentato con batterie da 77 kWh di capacità.

Con questa meccanica l’auto copre il canonico zero-cento in 8,5 secondi e tocca una velocità massima di 160 km/h, mentre l’autonomia dichiarata secondo il ciclo di omologazione Wltp è di 520 km. Tempi di ricarica? Se si va di fretta, con le colonnine rapide da 125 kW è possibile recuperare circa 320 km di autonomia in 30 minuti. Successivamente arriverà una più potente versione a quattro ruote motrici, capace di oltre 300 Cv e dotata di una batteria di maggiore capacità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Opel Mokka, svelata la nuova generazione. Ed è anche 100% elettrica

next
Articolo Successivo

Volkswagen, in Cina investimenti per 15 miliardi di euro su auto elettriche e batterie

next