I probiviri M5s hanno aperto 8 procedimenti per i parlamentari che hanno votato No al taglio di deputati e senatori e una trentina di fascicoli per i cosiddetti “morosi” delle restituzioni. La notizia è stata anticipata dall’agenzia Adnkoronos earriva in un momento di grande tensione per il Movimento 5 stelle, a pochi giorni dalla débacle elettorale alle Regionali. Proprio oggi alle 18, i gruppi parlamentari si riuniranno per affrontare la questione degli Stati generali e della riorganizzazione. Il rinnovo della figura del capo politico, rinviato da sette mesi, è uno dei nodi che sta creando più malumori all’interno del M5s.

Una delle prime operazioni fatta partire dai vertici è la resa dei conti sui parlamentari che non rispettano o non hanno rispettato le regole del Movimento. Innanzitutto coloro che hanno deciso di votare No al referendum per il taglio dei parlamentari: tra loro ci sono Andrea Colletti, Marinella Pacifico, Elisa Siragusa, Mara Lapia, Matteo Mantero. Questi sono accusati di aver violato il codice etico ignorando quanto scritto nel programma M5s. Ancora più sentito, è il problema di chi si rifiuta di restituire metà dello stipendio come previsto dalle regole interne.

I probiviri, chiamati dallo statuto a decidere eventuali sanzioni, hanno formalmente aperto le procedure, una quarantina in tutto, dando, come da regola, 10 giorni a chi è finito nel mirino per inviare le cosiddette controdeduzioni. Solo una volta analizzate le difese, i probiviri decideranno sul da farsi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Orlando a La7: “Rimpasto? È l’ultimo dei problemi, prima viene l’agenda sul Recovery e poi semmai si pensa alla squadra”

next
Articolo Successivo

Sanità, Speranza: “I giovani medici sono la risorsa più preziosa che abbiamo, l’imbuto formativo va risolto”

next