“I commentatori sino all’altro giorno mi descrivevano in bilico, ma io non mi sono mai sentito in biblico. Oggi mi descrivono inamovibile, ma non mi sento inamovibile“. Sono le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che a margine del Welfare Index Pmi 2021 ha commentato i risultati delle elezioni regionali e del referendum, che hanno di fatto rafforzato il governo. “Avevo già detto che non sarebbe stato un voto nazionale“, ha aggiunto Conte, “e ora non mi sento di cambiare idea”. E ai cronisti che gli chiedevano di un possibile rimpasto all’interno del governo ha risposto che “sono contento della mia squadra, è coesa e sin qui i ministri hanno lavorato con grande impegno. Non mi sembra che nemmeno il Pd ponga il tema del rimpasto ma quello del rilancio dell’azione dell’esecutivo alla luce della sfida del Recovery Fund. Nemmeno io sento l’esigenza di un rimpasto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali Puglia, di Emiliano non ho sempre approvato la disinvoltura. Ma anche quella gli è servita

next
Articolo Successivo

Venezia rielegge Brugnaro al primo turno con il 54%. L’imprenditore batte il sottosegretario dem Baretta. Trionfa la sua lista civica

next