di Paolo Rossi

Stiamo facendo il terzo valico dei Giovi, 6 binari per portare milioni di tonnellate di merci dal porto di Genova verso il nord Europa…. magari! In realtà tutte queste merci, se mai ci saranno, troveranno un bellissimo tappo a Milano oltre il quale sarà difficilissimo proseguire.

La recente inaugurazione del tunnel del Monte Ceneri in Ticino, ad opera delle Ferrovie Svizzere, infatti segna l’abbattimento dell’ultimo significativo ostacolo al quadruplicamento dell’intero asse ferroviario del Gottardo. Restano solo i due brevi tratti tra Arth-Goldau ed Erstfeld e tra Biasca e Bellinzona, poi tutta la tratta tra Lugano e Milano… considerando quello che hanno speso le ferrovie svizzere in 25 anni pochi spiccioli.

Tutto bene se non fosse che da parte italiana si sente solo un assordante (e molto preoccupante) silenzio. I circa 35km tra Monza e Como sono ben poca cosa rispetto al terzo valico dei Giovi, ma senza questo breve tratto tutto quell’investimento è praticamente inutile in quanto la linea è già sovrasatura per il traffico regionale. Il traffico passeggeri a lunga distanza soffre terribilmente la coesistenza con i regionali, pagata al prezzo di cronici ritardi e le tracce orario rimaste disponibili per il traffico merci del tutto insufficienti considerando che occorre sempre prevedere un “buco” di almeno 2 ore ogni giorno per le inevitabili manutenzioni alla linea.

Di fatto chiunque viva su tale linea conosce gli endemici ritardi dei regionali e spesso gli Ec Milano-Zurigo sono fermati ad Arth-Goldau per recuperare i ritardi, obbligando i viaggiatori a scomodi trasbordi sui treni ordinari.

Nessun segnale viene registrato da parte italiana per porre un rimedio a tale cronico disservizio ed inefficienza, nessun segnale di quadruplicamento della Monza-Como o comunque della realizzazione di una bretella merci che possa sgravare il traffico di tale linea e offra un reale sbocco a nord per la grande capacità di trasporto tra Genova e Milano.

Si sente vaneggiare di una fantomatica alta velocità Pescara-Roma (che adesso anche le pecore devono viaggiare a 300km/h?), di tante altre importantissime infrastrutture… si decide allegramente di spendere 10 miliardi per quadruplicare la tratta Verona-Fortezza (con un’impressionante serie di gallerie) a supporto del tunnel del Brennero, si decide di continuare la realizzazione del traforo del Frejus anche in totale assenza di merci e passeggeri e qui invece c’è un’imponente domanda di trasporto che viene bloccata inesorabilmente da miopia politica e inadeguatezza infrastrutturale… neppure un euro!

C’è solo da sperare che qualcuno in Lombardia si svegli e segnali al governo questa gravissima lacuna e che spinga per un giusto investimento che certamente si ripagherà abbondantemente.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi Italo, mi chiedo come sia riuscita ad entrare nel mercato. Basta guardare il traffico ferroviario

next
Articolo Successivo

Cara signora Ferragni, per fare impresa non bastano le qualità personali. Ci vuole altro

next