Turismo italiano, estate 2020. Bollettino di guerra o poco ci manca. Chi ha avuto modo di trascorrere qualche giorno in una delle poco affollate città d’arte del nostro paese se ne sarà reso conto anche da solo. Oggi l’Unione Nazionale Consumatori mette nero su bianco alcune cifre, elaborando i dati Istat sull’inflazione di agosto e calcolando la riduzione dei prezzi di alberghi e alloggi innescato dal crollo delle presenze dovuto alla pandemia. La regina del turismo italiano, Venezia, accusa addirittura un – 22%, una flessione record. Firenze e Bologna registrano cali di oltre il 7%, Roma contiene il ritocco dei listini alberghieri ad un – 4,5%.

Tra le città più piccole colla Trapani, dove un alloggio si paga quasi un terzo in meno rispetto all’agosto del 2019. Pesanti flessioni anche a Grosseto, Lucca e Rimini dove i prezzi scendono di oltre il 10%. Dall’altra parte della classifica, i rialzi annui più alti sono stati a Parma (+11,4%), Cosenza (11,1%) e Cuneo (+8,4%). A livello medio nazionale le flessione è del 2,1%. A livello di regioni a ridurre mediamente di più i prezzi sono stati gli alberghi della Toscana (- 6,7%), seguiti dagli hotel del Veneto (- 6,5%) e della Liguria (- 6,5%). Camere più care invece nel Trentino Alto Adige, con il rialzo record del 5,3% ed in Campania, +4,1%”.

Situazione diversa per i ristoranti che hanno invece aumentato lievemente i prezzi, più o meno in tutto il territorio nazionale, con rincari medi del 2,1%. I rialzi maggiori a Trapani (+4,6%), Grosseto (+4,2%) e Pordenone (+3,9%). per quanto riguarda le regioni stabili i prezzi solo in Valle d’Aosta. I maggiori rincari in Friuli-Venezia Giulia (+2,7%) e Trentino (+2,1%).

Secondo le prime stime dell‘Ente nazionale per il turismo il 2020 si chiuderà con ricavi da arrivi esteri a 24 miliardi di euro, circa 20 miliardi in meno rispetto al 2019, solo in parte compensati dall’aumento delle presenze domestiche. L’impatto naturalmente è più pesante nelle città, Roma, Venezia e Firenze, dove gli stranieri la fanno da padrone. Lo stop agli arrivi dagli Usa in particolare, ha inflitto un colpo durissimo a queste città. Impressionanti i dati di Federturismo secondo cui il 70% degli hotel di Roma o Firenze non avrebbe più riaperto dopo il lockdown.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lockdown e abbonamenti mezzi pubblici: nessun rimborso nel 30% dei capoluoghi. Caltanisetta e Agrigento più care di Milano

next
Articolo Successivo

La vendetta del vecchio vinile: dopo 34 anni sorpasso di vendite sui CD. Domina lo streaming

next