La maggior parte saranno rappresentanti di seggio, in totale sono oltre duecento. Una richiesta di “massa” che rischia di mandare in tilt il trasporto pubblico di Napoli. Sono 242 i dipendenti dell’Anm, l’Azienda napoletana di mobilità che domenica e lunedì saranno impegnati nei seggi elettorali e quindi non saranno in servizio.

Non un caso raro nelle tornate elettorali. Lo stesso problema si è presentato negli anni scorsi da Roma a Venezia, fino a Brindisi. Questa volta è toccato alla Campania, dove si vota per il referendum e le elezioni regionali.

Oltre il 90% delle richieste pervenute sono per il ruolo di rappresentanti di seggio, spiega l’azienda. “Nel rispetto delle scelte di impegno politico dei dipendenti – scrive Anm in una nota – l’azienda sta cercando di organizzare al meglio possibile il servizio di trasporto”.

Nei due giorni delle elezioni, tuttavia, resta “la consapevolezza che ci potrebbero essere delle ripercussioni” come conseguenza di una “libera scelta”, quella dei dipendenti, di “impegnarsi in occasione del voto, ricorda Anm, di fronte alla quale “non è consentito opporsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, Di Battista contro il voto disgiunto: “Che significa ‘turarsi il naso’? La cabina elettorale non è un cesso pubblico”

next