Oltre al Watch di sesta generazione, Apple ha presentato anche uno smartwatch più economico – rispetto ai prezzi dell’azienda ovviamente – che cerca di raggruppare tutte le esperienze passate, riproponendole ad un prezzo più contenuto: parliamo dell’Apple Watch SE, una soluzione davvero interessante, che consentirà a molti appassionati del brand della Mela morsicata di godere di tante funzioni avanzate senza dover acquistare un costoso Watch 6.

Apple Watch SE possiede anzitutto un display più grande rispetto al vecchio Serie 3 (che ancora resiste nel listino ufficiale a 229 euro) ed è leggermente più piccolo di quello presente su Serie 4. In ossequio alla sua recente rinnovata sensibilità ambientale inoltre, il colosso afferma che il Watch SE è stato realizzato completamente in alluminio riciclato.

Per quanto riguarda il software, le funzioni principali che ci si aspetterebbe da uno smartwatch ci sono tutte, tranne le ultime implementate dal sensore ECG – che non possiede – in avanti: contapassi, controllo del battito cardiaco, controllo della qualità del sonno ed anche il sempre utile sensore del rilevamento delle cadute.

Il processore scelto è l’Apple S5, che promette prestazioni due volte superiori rispetto a ciò che può fare Apple Watch Serie 3, racchiudendo inoltre al suo interno anche un accelerometro e un altimetro per supportare alcune delle funzioni più avanzate. Per quanto riguarda il sistema operativo, a bordo ci sarà WatchOS 7 con tantissime nuove watchfaces (i quadranti digitali, intercambiabili a piacimento) ed altrettanti cinturini colorati per una personalizzazione profonda.

E i prezzi? Si partirà da Apple Watch SE GPS con un prezzo di 309 euro e si arriverà ad Apple Watch SE GPS+Cellular (eSIM) a 359 euro. Le prenotazioni sono già iniziate, mentre per le consegne bisognerà attendere domani.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon Music, in arrivo Podcast e nuovi spettacoli originali

next
Articolo Successivo

PlayStation 5: annunciati nuovi giochi, prezzo e data d’uscita

next