“Io sono fuori, forse stando dentro si perde un po’ di libertà e si acquista in competenza, ma un punto di vista fuori ci vuole sempre. I cittadini devono poter andare avanti potendo dire la loro con dei sistemi tecnologici che noi per primi al mondo abbiamo fatto. E non è una difesa di Rousseau, più o meno, è una difesa di una tecnologia che abbiamo fatto noi e dobbiamo ringraziare le persone che l’hanno fatta: Casaleggio padre e Casaleggio figlio”, così Beppe Grillo, in collegamento con la conferenza stampa al Senato sul decreto Mise su comunità energetiche e l’autoconsumo. Presenti i capigruppo 5 Stelle di Camera e Senato – Davide Crippa e Gianluca Perilli -, il presidente della Commissione Industria di Palazzo Madama Gianni Girotto e il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. Il garante del Movimento 5 stelle, poi ha ringraziato gli esponenti del M5s e ha concluso: “Voi siete i miei figli, vi amo da morire”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo al M5s: “Fate capire alla sinistra che le idee vanno perseguite. Loro ne hanno poche, la destra non ne ha, noi alcune: vanno unite forze”

next
Articolo Successivo

Referendum, la crisi della sinistra non si può ridurre ai singoli: ha ragioni profonde

next