La Cassazione ha accolto il ricorso dell’imprenditore Marco Carrai, molto legato all’ex premier Matteo Renzi ora leader di Italia Viva, contro il sequestro di documenti e pc nell’ambito dell’indagine sulla Fondazione Open – ex cassaforte renziana – della Procura di Firenze che ipotizza l’illecito finanziamento ai partiti. Il provvedimento emesso dal tribunale del Riesame di Firenze il 19 dicembre 2019 è stato annullato con rinvio per nuovo esame dagli ermellini della Sesta sezione penale.

“Siamo molto soddisfatti“, ha commentato l’avvocato Massimo Di Noia che difende Carrai insieme a Filippo Cei. Ad avviso del tribunale del Riesame, come è scritto nell’ordinanza confermativa del sequestro, la Fondazione Open “appare aver agito, a prescindere dal suo scopo istituzionale, quale articolazione di partito e da qui l’accusa di finanziamento illecito a Carrai – che era membro del cda Open – e che emergerebbe, secondo i giudici di merito, anche da documenti sequestrati all’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente di Open indagato pure lui nell’inchiesta.

Nell’ordinanza di conferma del sequestro, inoltre, il Riesame aveva sottolineato il ruolo di Carrai quale socio di due società in Lussemburgo tra loro collegate, una finanziata da italiani anche finanziatori di Open. Inoltre per i giudici fiorentini sarebbe emersa una “intromissione” di Carrai “nell’adempimento dell’incarico professionale affidato all’avvocato Bianchi dal gruppo Toto” e pertanto, concludevano, perquisizione e sequestri sono legittimi in quanto necessari per “ricostruire i rapporti degli indagati Carrai e Bianchi coi finanziatori di Open”.

Adesso si attenderà la pubblicazione delle motivazioni del verdetto emesso dalla Sesta sezione penale della Cassazione. Ci vorranno circa trenta giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, l’avvocato di Di Rubba e Manzoni: “Estranei ai fatti. Il Carroccio? Non c’entra con questo interrogatorio”

next
Articolo Successivo

Mauro De Mauro, una vicenda emblematica dell’Italia occulta

next