Parte dei soldi che per la Procura sono stati incassati in seguito alla vendita del capannone di Cormano a Lombardia Film Commission a un prezzo “gonfiato”, sarebbero semplicemente la commissione percepita per una compravendita immobiliare gestita da Andromeda. È questa una delle giustificazioni date oggi davanti al gip da Alberto Di Rubba, l’ex presidente di Lfc, finito ai domiciliari giovedì scorso nell’ambito dell’inchiesta milanese sui cosiddetti “fondi della Lega” che si intreccia con quella genovese sui 49 milioni di euro spariti. Di Rubba e Manzoni (uno dei commercialisti coinvolti nella vicenda) “hanno chiarito la loro posizione nei termini di estraneità agli illeciti che gli sono stati contestati”, ha affermato l’avvocato Piermaria Corso, legale dei due indagati. “La Lega non è pertinente in questo interrogatorio, si è parlato solo dei due addebiti contestati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi Lega, ai pm di Milano arrivate altre segnalazioni di operazioni sospette dal mondo bancario e dall’antiriciclaggio

next
Articolo Successivo

Fondazione Open, Cassazione accoglie ricorso di Carrai contro il sequestro di documenti e pc

next