Il credito di imposta sulle spese sostenute per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione, previsto dal decreto Rilancio, diventa un caso e mette sul piede di guerra piccoli imprenditori e commercianti. Le piccole imprese della Fapi parlano “una doccia troppo fredda per tantissimi artigiani, commercianti e piccoli imprenditori che avevano confidando nella misura varata dal governo”. Mentre Confesercenti la definisce “beffa e ulteriore grave colpo”.

E’ la stessa confederazione a sintetizzare la notizia arrivata venerdì sera: “Le risorse previste dal Governo per sostenere l’investimento per rendere sicuri i propri locali al pubblico e ai dipendenti non ci sono: il fondo del tax credit sanificazione, che avrebbe dovuto coprire il 60% della spesa, dispone di soli 200 milioni di euro, sufficienti a compensare solo un sesto dei quasi 1,3 miliardi di euro che le imprese avrebbero dovuto recuperare”. E in effetti venerdì una nota dell’Agenzia delle Entrate ha fatto sapere che “la misura del credito effettivamente utilizzabile è pari al 15,6423 per cento del credito richiesto“. Una percentuale con molti decimali, calcolata semplicemente come “risultato del rapporto tra gli importi richiesti dai contribuenti entro il 7 settembre 2020, pari a 1.278.578.142 euro, ed il limite massimo di spesa fissato dalla legge in 200 milioni di euro“. Oltre ai 403 milioni stanziati per i contributi a fondo perduto con la stessa finalità, contributi che sono però incompatibili con il credito di imposta.

Il risultato è che a imprese, artigiani, fondazioni ed enti del terzo settore spetta alla fine un “rimborso” pari solo al 9% della spesa sostenuta. A dir poco una doccia fredda, appunto. “Per un’impresa del commercio di medie dimensioni, che ha speso 30mila euro in sanificazione e sicurezza, vuol dire recuperare soli 2.800 euro, contro i 18.000 attesi“, calcola Confesercenti, secondo cui “dall’esplosione dell’emergenza Covid, le attività italiane hanno investito circa 2,1 miliardi di euro per sanificare e rendere sicuri i propri locali. Per le attività economiche, in particolare quelle di vicinato, è stato un grande sforzo, portato avanti nonostante la mancanza di liquidità per senso di responsabilità, ma anche nella convinzione che l’aiuto previsto sarebbe arrivato”. La richiesta, ovviamente, è che il governo rifinanzi subito il fondo per sostenere lo sforzo delle imprese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Moody’s taglia il rating della Turchia. All’orizzonte il rischio di una crisi valutaria

next