Massimo sei persone per qualunque tipo di incontro, in casa o nei luoghi pubblici: la stretta alla vita sociale annunciata nel Regno Unito dal premier Johnson si può riassumente con la cosiddetta “regola dei sei“. L’obiettivo è frenare l’impennata di contagi da coronavirus – che orami viaggiano stabilmente a una media di 3mila al giorno – evitando lo spettro di un secondo lockdown nazionale.

“Controllate i vicini di casa” – Come ulteriore incognita arriva la riapertura delle scuole, completata oggi con gli istituti privati, mentre le scuole pubbliche avevano ripreso i lavori all’inizio di settembre. Il provvedimento, in vigore da oggi in Inghilterra, Scozia e Galles, impone con vincolo legale un tetto di 6 persone al massimo per qualsiasi incontro privato, in casa e non, pena interventi della polizia e multe salate. La regola “sarà applicata con severità” ha ammonito oggi il viceministro dell’Interno Kit Malthouse, che ha perfino invitato la popolazione a denunciare eventuali violazioni da parte di vicini di casa.

Le eccezioni – Sono possibili riunioni di più di sei persone soltanto a scuola, al lavoro, per matrimoni, funerali e in caso di squadre sportive. Critiche contro questo giro di vite continuano peraltro a piovere da esponenti dell’ala della destra più libertaria della stessa maggioranza Tory a Westminster. Con alcuni deputati che fanno pressione sul governo Johnson per ottenere almeno un’esenzione dalla stretta per i bambini anche in Inghilterra: così come già previsto dalle autorità locali in Galles e in Scozia, dove gli under 11 e gli under 12 non saranno rispettivamente conteggiati nel limite delle sei persone.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Dieselgate, Daimler patteggia 1,5 miliardi di dollari negli Usa. Il conto della casa tedesca per aver aggirato limiti alle emissioni

next