Prima o poi. Prima o poi qualcuno dalle parti del ministero dell’istruzione troverà il coraggio. Prima o poi ci sarà un funzionario, un dirigente o addirittura un sottosegretario che troverà la forza di raccontare una verità nascosta da troppo tempo. Come tutte le verità il rischio è che, immediatamente dopo averla rivelata, qualcuno si sentirà sollevato e, come sempre accade in tali circostanze, molti diranno “io l’avevo detto.”

Una volta svelato il mistero qualcuno proverà, per poco – statene pur certi -, a minimizzare e ad avversare il catastrofista di turno. Un po’ di confusione, forse una interrogazione parlamentare e una manifestazione autoconvocata di qualche partito dell’opposizione rappresenterà il corollario dell’annuncio. Si sventolerà ai quattro venti il fallimento della scuola e poi…

Poi più niente, gli alunni disabili resteranno relegati nelle loro case, i più fortunati dietro ad una tastiera, gli altri dietro il nulla di una vita che si è progressivamente trasformata in un incubo. La verità alla quale faccio riferimento è che in questa condizione di incertezza la scuola per gli oltre 270.000 alunni disabili italiani non potrà cominciare.

Di certo non potrà cominciare per il 92% di quelli con un ritardo cognitivo. Di sicuro non potrà cominciare per il 50% degli alunni disabili che ha una condizione di gravità certificata. E’ una verità scomoda, dolorosamente scomoda ma terribilmente vera. Mascherine e distanziamento sono criteri giusti e obbligati in questo periodo ma non rappresentano la soluzione.

I nostri figli più fragili non potranno mai indossare una mascherina o essere impediti negli spostamenti e nelle relazioni con i loro compagni. Questa è la triste e scomoda verità. Ci sarebbero alternative? Sì, ma evidentemente più onerose e complesse.

Ora bisognerà solo aspettare che, in silenzio e lentamente, tutte le famiglie dei disabili scelgano di ritirare i propri figli dalla scuola. Lo faranno perché avranno legittimamente il timore che per i loro figli le disposizioni (?) non siano attuabili o perché avranno scoperto che relegare in una stanza da solo il proprio figlio non è scuola. Nemmeno ai tempi del Covid.

Nel frattempo al ministero gli ipocriti in silenzio continueranno a contare sul silenzio/rassegnazione delle famiglie. E a descrivere la straordinarietà della scuola dell’inclusione…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Scuola, Azzolina risponde a Cirio: “Temperatura sul diario? Potremmo impugnarla, svegliarsi a 4 giorni dalla riapertura è giocare”

next