“Stiamo definendo, a livello nazionale saranno circa 450mila gli studenti che ne beneficeranno dei kit, è un ottimo segnale di attenzione nei confronti del diritto all’istruzione, un diritto universale, bisogna dare una mano agli studenti in difficoltà – così Lucia Azzolina, ministra dell’Istruzione, in visita a una scuola a Biella -. Il 14 si riapre, sarà un anno complesso, le difficoltà ci sono ma non bisogna dimenticare il lavoro fatto quest’estate e che viviamo in una pandemia globale che lascia un miliardo di studenti a casa”.

La ministra risponde al governatore Cirio e alla sua ordinanza che impone alle famiglie di segnare la temperatura rilevata sul diario dei figli prima dell’accesso a scuola: “A fine giugno abbiamo approvato delle linee guida insieme a tutte le Regioni, Piemonte compreso, queste sono le regole nazionali e credo che non si possa quattro giorni prima della riapertura delle scuole cambiare le regole come se fosse un gioco. Ci vuole rispetto nei confronti delle famiglie e dei dirigenti scolastici. Il ministero potrebbe impugnare l’ordinanza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riapertura scuole, c’è una realtà che continua a essere celata: quella degli alunni disabili

next
Articolo Successivo

La scuola non è pronta a riaprire: per me si va verso il salto nel vuoto

next