“Ci aspettiamo una crescita dei casi ma siamo ancora in una situazione di equilibrio gestibile. Quindi possiamo convivere con bassi livelli di trasmissione, perché 1500 casi non sono paragonabili agli stessi di fine febbraio inizio marzo, quando le persone venivano testate già in fin di vita e quindi mancavano all’appello tutti gli asintomatici. Probabilmente in quei giorni c’erano 35-40mila positivi. Oggi siamo lontani da quei numeri”. A dirlo è il virologo Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia all’università di Padova, che intervenendo ai microfoni di ‘Agorà‘ su RaiTre ha fatto il punto della situazione sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Italia, dove i casi sono in lento ma costante aumento. L’ultimo bollettino del ministero della Salute parla di 1.597 nuove infezioni nelle ultime 24 ore, oltre 150 in più rispetto al giorno precedente.

Crisanti ha poi commentato anche il caso del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis – risultato positivo al Covid dopo aver partecipato, nonostante alcuni sintomi sospetti, all’assemblea della Lega Calcio a Milano –, definendolo un “irresponsabile, una persona che sta male dovrebbe rimanere a casa, specie in queste situazioni. Una persona come lui dovrebbe dare esempio avendo una elevata visibilità”.

Quanto poi all’ipotesi di un suo futuro in politica, il virologo ha spiegato: “Ho ricevuto offerte dalla politica, ma le ho declinate perché ho pensato che il mio contributo potesse avere un impatto maggiore stando sul campo. Vedendo che i casi aumentavano, ho pensato non fosse giusto tradire le aspettative di tutti quelli che hanno lavorato con me e di chi ha fiducia in me. È più importante contrastare il virus che fare politica“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sessuale su minorenni inglesi a Matera: 4 arrestati, ma nel branco erano in 8. Le famiglie: “Gli indagati confessino tutto”

next
Articolo Successivo

Gela, bambino di 4 mesi muore “soffocato da un rigurgito di latte”

next