È di oggi la notizia dell’ennesima cattura dell’orso M49, reo di aver fatto l’orso e basta. Mai un’aggressione all’uomo, mai una minaccia alle persone. Certo, ha fatto l’orso e molto bene. Scappando ben due volte dal recinto del Casteller di Trento. E il presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, in piena campagna elettorale (in Trentino si rinnovano i consigli comunali, compreso quello del capoluogo), non poteva lasciare impunita una ribellione simile; doveva sicuramente intervenire per far vedere che lui c’è! Che la Lega è in grado di ristabilire l’ordine pubblico.

Lo fa talmente bene che ha spostato le competenze sui grandi carnivori (lupi e orsi) dal dipartimento Foreste e Fauna al Dipartimento della Protezione Civile. Quindi orsi e lupi sono diventati problema di ordine pubblico. E tali sono i motivi per cui, secondo Fugatti, era necessario emettere una nuova ordinanza di cattura per l’orsa del monte Peller, mamma di cuccioli, nota come JJ4. Il tutto sbeffeggiando il Tar di Trento, che aveva annullato la prima ordinanza. Il presidente, padrone del Trentino, però, non trova di meglio che sfidare il Tar, emettendone una nuova, che revoca quella annullata e però ne ripropone il contenuto uguale.

Detto, fatto. Annullata quella non gradita al Tar e riemessa. Solo che Fugatti ha deciso di tenerla occultata fino a qualche giorno fa! Infatti l’ordinanza ha data 11 agosto 2020, ma solo in questi ultimi due giorni è uscita allo scoperto.

È in atto una vera e propria persecuzione contro gli orsi del Trentino. Con le catture attualizzate, ora sono tre gli orsi rinchiusi a Casteller e altre tre catture ordinate sono in corso. Mi chiedo se il presidente Fugatti stia progettando un circo per il Trentino, dove far ballare orsi in mezzo alla piazza, come si faceva nel Medioevo. Siamo all’assurda battaglia personale di un presidente che non sa proporre progettualità di convivenza con gli animali che popolano il Trentino. Spende soldi dei cittadini per catturare e imprigionare gli orsi, ma non per predisporre cassonetti delle immondizie anti-orso nei luoghi dove servirebbero, così da tenerli lontani dai centri abitati. Invia decine di forestali a catturare orsi, invece di tenerli sul territorio a controllare la caccia, che tra l’altro in questi giorni è iniziata.

Già, la caccia, altro tema vergognoso. L’uomo va a caccia di selvaggina, sottraendola ad orsi e lupi e poi si lamenta se questi si avvicinano ai villaggi per cercare facile cibo. La caccia, che uccide e ferisce ogni anno molte più persone degli orsi e dei lupi; ricordo che, negli ultimi 150 anni, non c’è stato alcun morto per orso o lupo in Europa, mentre ci sono centinaia di morti per la caccia solamente in Italia.

Vogliamo progettare seriamente una convivenza tra uomini e animali, o continuiamo a permettere di gestire questa convivenza a presidenti di provincia che personalizzano la gestione per fini elettoralistici? Davvero una tristezza, per me, in questo momento, definirmi cittadino trentino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se ne è andato un grande uomo, Vittorio Delpiano

next
Articolo Successivo

Milano, i pioppi cipressini sono a rischio. Una soluzione però ci sarebbe

next