La petroliera battente bandiera panamense colpita ieri da un incendio al largo delle coste dello Sri Lanka è stata trainata in alto mare dopo che le fiamme a bordo sono state domate, scongiurando la temuta marea nera, anche se dallo scafo fuoriesce ancora un fumo denso. Lo hanno fatto sapere la guardia costiera indiana e la marina cingalese, che sono intervenute in soccorso della nave New Diamond, lunga 330 metri con un carico di 270.000 tonnellate di petrolio e 1,700 tonnellate di carburante diesel. “Non è stata notata alcuna perdita di petrolio”, ha dichiarato la guardia costiera indiana, secondo la quale non c’è stata alcuna rottura strutturale, malgrado una vistosa crepa sotto la linea di galleggiamento. “Dopo due giorni di intensa lotta contro il fuoco”, le fiamme sono ora “sotto controllo”, fanno sapere i soccorritori.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Edward Snowden, 7 anni dopo i giudici gli danno ragione: “Il programma di sorveglianza della Nsa era illegale”

next
Articolo Successivo

Patrick Zaki, la lettera dal carcere: “Sono in buona salute”. La famiglia: “Preoccupati per il suo stato mentale”

next