Congedi straordinari e smart working per genitori con figli under 14 in quarantena obbligata. E’ una delle misure introdotte nel decreto approvato giovedì sera. I congedi straordinari per Covid sono scaduti il 31 agosto e il diritto a lavorare da casa per chi ha figli piccoli senza proroghe sarebbe terminato proprio il 14 settembre, giorno di ripresa delle scuole. “Sono previste – si legge nella nota di Palazzo Chigi – misure in materia di smart working e congedi straordinari per i genitori di figli minori di quattordici anni nei casi di quarantena obbligatoria dei figli”. “Ieri sera il Consiglio dei Ministri ha deliberato l’intenzione di trovare le risorse”, ha precisato la titolare del ministero delle Pari opportunità e Famiglia, Elena Bonetti, a margine di un incontro a Trieste. “Siamo oggi nella fase di definizione finale che arriverà a compimento, in modo tale da dare servizio adeguato alle famiglie” in vista della ripartenza delle scuole.

“E’ evidente – ha sottolineato la ministra – che abbiamo scenari potenziali di incertezza dovuti all’eventuale ripartenza del contagio, per questo dobbiamo attrezzarci: per non avere paura dobbiamo sapere che abbiamo gli strumenti per poterli affrontare. Per questo stiamo lavorando”. Le famiglie, ha aggiunto, “devono sentirsi accompagnate in questo tempo di inizio scolastico che deve avvenire in piena sicurezza e serenità. L’impegno di tutti noi deve essere rivolto a restituire luoghi di comunità educante per i bambini e i ragazzi che per tanti mesi sono stati costretti a rimanere in casa. Per far questo il governo insieme ai livelli regionali e territoriali competenti sta mettendo in campo varie misure per garantire un avvio che sia il più lineare e tranquillo possibile”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Air Italy, firmato l’accordo su 10 mesi di cig per i 1.465 lavoratori. Sindacati: “Ora soluzione industriale per dare prospettive di lavoro”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, lo stallo nella trattativa governo-Mittal (in attesa del voto) a due mesi dal dentro-fuori. E l’ad Morselli teme la tensione tra gli operai

next