Brad Pitt si dà allo champagne rosè. Che oramai l’acino rosso – a contatto con le bucce non più di due giorni, of course, per diventare rosa – sia diventato una moda enogastronomica dell’ultimo decennio è commercialmente acclarato. Ma da oggi, con il marchio Pitt-Jolie, e la relativa annata di champagne rosatello, il mondo dei vini non sarà più lo stesso. Si chiama Fleur de Miraval ed è il risultato di un lungo studio di vinificazione ottenuto nella tenuta di Pitt e della Jolie (separati sì fisicamente, ma insieme da diversi anni negli affari che riguardano il vino francese) nei vigneti del castello di Miraval che i due possiedono dal 2011.

In quell’anno i due sono diventati proprietari di marchio e lavorazione dei vini di Miraval, condividendo l’impresa 50/50 con l’esperto vinificatore Marc Perrin. Ed è infine dal connubio ardito ma interessante tra uno Chardonnay più maturo (circa il 75%) e il classico uso per il rosè, almeno dalle parti provenzali, di un giovane Pinot Nero, che è nato (e andrà consumato presto) lo champagne rosè di cui Pitt va molto fiero.

“Spinto dal nostro successo con Miraval in Provenza volevo creare il marchio definitivo di Champagne rosé – ha spiegato l’interprete di Vento di passioni -, Abbiamo così concentrato tutti i nostri sforzi su questo colore. Il risultato è spettacolare, ne sono molto orgoglioso”. Pitt si riferisce al fatto che nel 2013 la prestigiosa rivista Wine Spectator elevò tra i 100 vini migliori al mondo il loro rosè classico, Miraval Còtes de Provence. Una particolarità interessante va segnalata: la bottiglia del Fleur de Miraval è scura, tanto che la colorazione del vino – a dire il vero un buon 50% del successo recente del rosé – non si vede.

Lo Champagne è particolarmente sensibile ai raggi ultravioletti e alla luce solare, che può facilmente danneggiare il vino. – hanno spiegato Perrin e Rodolphe Peters, l’altro vignaiolo importante che ha contribuito con il suo Chardonnay all’impresa – Ogni bottiglia di Fleur de Miraval è stata laccata in modo che il vino non sia mai esposto alla luce, fino a quando viene aperta”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tiziano Ferro, dopo la morte di Beau arriva Jake: “Ecco come ha deciso che doveva venire a casa con noi”

next