Si stringono i tempi per la vendita delle attività americane di TikTok. Secondo indiscrezioni sarà completata a breve, nel giro di un paio di giorni, per una cifra che oscilla tra i 20 e i 30 miliardi di dollari. La novità è che la catena di grandi magazzini Walmart ha annunciato di essersi alleata con Microsoft per comprare la società di proprietà di Bytedance sfilandola all’altro pretendente, Oracle.

Intanto è arrivato l’addio a sorpresa dell’amministratore delegato. Kevin Mayer, l’ex veterano di Walt Disney, lascia infatti la piattaforma che ha conquistato milioni di giovani dopo soli tre mesi in carica. In una comunicazione ai dipendenti spiega che il contesto politico è profondamente cambiato e, in seguito all’attesa vendita, il ruolo dell’amministratore delegato ne uscirà profondamente cambiato. Nelle ultime settimane l’amministrazione Trump ha avviato un pressing forte su ByteDance, il gigante cinese che controlla TikTok, per la vendita delle sue attività americane in seguito a presunti timori per la sicurezza nazionale. Lo scorso 6 agosto è poi arrivato l’ultimatum: la cessione deve avvenire entro 45 giorni altrimenti l’app sarà vietata. “Mentre ci attendiamo che venga raggiunta una soluzione a breve, voglio comunicarvi che ho deciso di lasciare la società”, ha scritto Mayer ai dipendenti.

Da qui la corsa a farsi avanti per rilevare TikTok. Microsoft si è fatta subito avanti e ora la sua posizione sembrerebbe rafforzata dall’unione con Walmart. “Riteniamo che TikTok possa rappresentare una strada importante per raggiungere i nostri clienti e far crescere l’attività legata alla pubblicità”, spiega il colosso delle vendite al dettaglio spiegando la sua alleanza con Microsoft. Secondo indiscrezioni, Oracle avrebbe proposto per TikTok un accordo da 20 miliardi di dollari, di cui 10 miliardi in contanti e 10 miliardi in titoli, oltre al 50% dei profitti annuali di TikTok a ByteDance per due anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il pil Usa nel secondo trimestre è calato del 31,7%. Svolta Fed: l’occupazione diventa la stella polare per le decisioni sui tassi

next
Articolo Successivo

Tribunale europeo dei brevetti, Milano vuole la sede (e il suo indotto). Governo indeciso sulla candidatura: il M5s spinge Torino

next