I contagi da coronavirus continuano ad aumentare ed è una tendenza che era stata ipotizzata dagli esperti perché la carica virale nei tamponi delle persone positive è in crescita. Si tratta del quarto giorno consecutivo di crescita. Sono 642 i nuovi casi in 24 ore: è il numero più alto dal 23 maggio quando i casi erano stati 669. Il giorno di Ferragosto invece erano stati 629. I nuovi casi sono 239 in più rispetto a ieri (403). Sette i morti, contro i quattro di martedì. In crescita anche i tamponi: 71mila, quasi 20mila in più di ieri. In Lombardia (+91) e Emilia Romagna (+76), Veneto (+59), Campania (+56), Sicilia (+ 45) i maggiori incrementi di contagiati. Nessuna regione ha zero casi. Anche la Basilicata ha un caso, due la Valle D’Aosta e due la Provincia di Trento.

Continuano a crescere anche il numero delle persone ricoverate con sintomi per Covid: sono 866, 23 in più nelle ultime 24 ore. Aumentano anche le terapie intensive (66, +8), mentre i pazienti in isolamento domiciliare sono incrementati di 240 unità (ora sono 14.428). Gli attualmente positivi sono 15.360 (+271). I dimessi ed i guariti sono saliti a 204.506 (+364). In Lombardia il maggior numero di pazienti in terapia intensiva (14), nel Lazio i ricoverati con sintomi (229). Di fronte ai dati di oggi e a quelli dei giorni scorsi che certificano secondo gli esperti una “crescita significativa della curva dei contagi”, ma anche guardando a quello che sta accadendo nel resto del mondo, il governo si prepara a quella che potrebbe essere la cosiddetta seconda ondata. L’ipotesi di un nuovo lockdown generale, spiegava ieri il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, non è in questo all’orizzonte: “Dipenderà dai nostri comportamenti, si interverrà ogni volta che ci saranno focolai, con le Regioni c’è massima collaborazione. Io spero che non ci sia, anche perché non potremmo permettercelo: in caso di focolai, potrebbero esserci delle zone chiuse“.

Emilia-Romagna – Sono 76 i nuovi casi di Coronavirus in Emilia-Romagna, scovati con 9.286 tamponi. Di questi, 47 sono asintomatici e 23 sono collegati a vacanze o rientri dall’estero. Salgono i ricoverati in terapia intensiva (che sono 7, tre in più di ieri) come pure negli altri reparti Covid (81, nove in più) e un uomo è morto nel Bolognese, che porta il totale dei decessi a 4.455. Secondo i dati diffusi dalla Regione e aggiornati alle 12, 36 nuovi casi sono legati a focolai già noti. Il numero maggiore di casi è in provincia di Ferrara (15), seguita da Modena (13) e Bologna (12).

Lombardia – Con 9.000 tamponi effettuati, sono 91 (41 più di ieri) i nuovi casi positivi registrati in Lombardia di cui 11 ‘debolmente positivi’ e nessuno a seguito di test sierologico. Si registrano 4 morti, dunque il numero di decessi complessivo dall’inizio della pandemia sale a 16.844. Resta invariato a 14 il numero dei pazienti in terapia intensiva mentre aumenta di uno il numero dei ricoverati negli altri reparti (in tutto 151). Per quanto riguarda le Province, ci sono stati 23 casi a Milano (di cui 16 in città), 13 a Bergamo, 19 a Brescia, 2 a Mantova, 3 a Como, 2 a Cremona, 8 a Lecco, 2 a Lodi, 8 a Monza, 3 a Pavia, 2 a Sondrio e 6 a Varese.

Campania – Cinquantasei positivi (di cui 18 provenienti dall’estero o contatti di precedenti casi di rientro) con 2.774 tamponi effettuati: questi i dati del bollettino di oggi dell’Unità di crisi della Regione Campania. Il totale dei positivi è di 5.403 unità mentre il totale dei tamponi è di 369.227. Non ci sono oggi deceduti mentre i guariti del giorno sono 34 (il totale dei guariti è di 4.345.

Sardegna – Il focolaio all’interno del resort di Santo Stefano, nell’arcipelago della Maddalena, e i test effettuati sui contatti di una persona positiva nei giorni scorsi a Orosei (Nuorese) fanno nuovamente impennare la curva dei contagi in Sardegna, dove si registrano oggi 37 nuovi casi: per trovare un dato simile bisogna tornare indietro alla metà di aprile. Salgono quindi a 1.549 i positivi al Covid 19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 20 nuovi casi nel nord Sardegna, 13 a Nuoro, 3 nella Città Metropolitana di Cagliari e uno nella provincia del Sud Sardegna. Resta invariato il numero delle vittime, 134 in tutto. In totale sono stati eseguiti 120.218 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 11, nessuno in terapia intensiva, mentre 143 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.257 pazienti guariti (+4 rispetto al precedente aggiornamento), più altri 4 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 1.549 casi positivi complessivamente accertati, 283 (+3) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 165 (+1) nel Sud Sardegna, 61 a Oristano, 100 (+13) a Nuoro, 940 (+20) a Sassari.

Sicilia – Boom di positivi in Sicilia, dove in sole 24 ore si registrano 45 casi in più. Il dato emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute. Nell’isola attualmente i positivi sono 766, mentre dall’inizio dell’emergenza i casi segnalati arrivano a quota 3.838. Resta stabile il numero delle vittime (286), mentre si registra una guarigione con il numero dei pazienti guariti che sale a 2.786. Aumenta il numero dei pazienti in terapia intensiva (8, ieri erano 6), complessivamente gli ospedalizzati sono 61 mentre 705 si trovano in isolamento domiciliare. Questa la distribuzione dei nuovi casi su base provinciale: 23 a Catania, 10 a Palermo, 7 a Ragusa, 2 a Messina e uno ciascuno a Siracusa, Agrigento e Trapani.

Calabria – In ulteriore aumento rispetto a ieri i casi di coronavirus Calabria. Sono dieci i nuovi positivi riscontrati – riferisce il Bollettino della Regione – per un totale di 1.367 casi dall’inizio della pandemia. Ad oggi sono stati 137.560 tamponi di cui 136.193 risultati negativi. In particolare cinque positivi rilevati dall’Azienda ospedaliera di Catanzaro provengono dal Cara di Crotone, quattro riguardano casi rilevati dall’Asp di Reggio Calabria e uno è un rientro. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: Catanzaro: 3 in reparto, uno in rianimazione, 5 in isolamento domiciliare, 186 guariti e 33 deceduti; Cosenza: 3 in reparto, 26 in isolamento domiciliare, 437 guariti e 34 deceduti; Reggio Calabria: 2 in reparto, 49 in isolamento domiciliare, 274 guariti e 19 deceduti; Crotone: 1 in reparto, 6 in isolamento domiciliare, 114 guariti e 6 deceduti; Vibo Valentia: 4 in isolamento domiciliare, 82 guariti e 5 deceduti. Altra Regione o Stato Estero: 77. Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 7.936.

Lazio – Sono 1.429 gli attuali casi positivi a Covid 19 nella Regione Lazio, 229 i pazienti ricoverati non in terapia intensiva e 6 quelli in terapia intensiva. Sono 1.194 le persone in isolamento domiciliare, 871 i decessi e 6.996 il totale dei guariti. Il totale dei casi esaminati è 9.296.

Piemonte – Sono 42 i nuovi casi di contagio registrati oggi dall’Unità di crisi della Regione Piemonte, dei quali 26 importati. Sono asintomatici 32. Il numero dei guariti cresce di 17 unità, mentre altri 546 pazienti sono considerati in via di guarigione. Registrato un decesso, i ricoverati in terapia intensiva restano 3, negli altri reparti 81 (+1 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 847, i tamponi diagnostici finora processati sono 543.744 (+3299 rispetto al dato di ieri), di cui 298.243 risultati negativi.

Liguria – Sono 30 i nuovi casi di rilevati nelle ultime 24 ore in Liguria. Lo riferisce la Regione Liguria specificando che i quattro ospedalizzati al Gaslini (presenti nel bollettino) sono due bambini con le rispettive madri, tenuti in osservazione in via prudenziale e le cui condizioni non destano preoccupazione. In Asl2 ci sono 13 casi di cui: un rientro viaggio estero, 11 strutture socio sanitarie (di cui 10 link grigliata del 1° agosto a Quiliano), una segnalazione dipartimento di prevenzione. In Asl3, 11 casi di cui: un rientro viaggio estero, 3 attività di screening, una segnalazione dipartimento di prevenzione, 6 contatti di casi confermati. In Asl5 6 casi di cui 5 contatti di casi confermati e una segnalazione dipartimento di prevenzione.

Veneto – Sono 33 i nuovi casi di contagio da Veneto, secondo la Regione (il bollettino del ministero ne segnala 59). Il totale dei positivi dall’inizio dell’epidemia sale a 21.375 di cui 1.661 attualmente positivi. Non ci sono nuovi decessi quindi è stabile il conteggio delle vittime che di 2.099 unità (tra ospedali e case di riposo).In terapia intensiv sono 7 i ricoverati.

Toscana – In Toscana sono 10.925 i casi di positività, 40 in più rispetto a ieri (11 identificati in corso di tracciamento e 29 da attività di screening), di cui 5 notificati qui ma residenti in altre regioni. L’età media dei nuovi casi odierni è di 38 anni circa. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 479.103, 4.627 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 746, +3,9% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi che restano 1139 dall’inizio dell’epidemia. A livello di territori si registrano 12 casi in più a Firenze, 1 a Prato, 2 a Pistoia, 8 a Massa, 2 a Lucca, 5 a Pisa, 3 a Livorno, 2 a Grosseto, a cui si aggiungono altri 5 casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 15 quindi i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 18 nella Nord Ovest, 2 nella Sud est. Complessivamente, 721 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi o ne sono prive. Sono 1.865 (+90) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con contagiati. I ricoverate nei posti letto covid oggi sono complessivamente 25 (+5), 5 in terapia intensiva (+1). Le persone complessivamente guarite sono 9.040 (+12 rispetto a ieri).

Marche – Sono sette i nuovi casi rispetto a ieri che porta a un totale di positivi di 7.065. I ricoverati con sintomi sono 13, una persona è curata in terapia intensiva.

Puglia – Sono 33 i nuovi casi che portano a 4915 casi totali. Cinquantadue le persone ricoverate, tre in terapia intensiva.

Abruzzo – Sono complessivamente 3.577 i casi positivi egistrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza, sette in più rispetto a ieri (di età compresa tra 18 e 84 anni), mentre il numero dei pazienti deceduti resta fermo a 472. Lo comunica l’assessorato regionale alla Sanità. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 2.840 dimessi/guariti (invariato rispetto a ieri, di cui 11 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid-19, sono diventati asintomatici e 2.829 che hanno cioè risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi).

Friuli Venezia Giulia – I casi totali sono 3.533, l’incremento odierno è pari a 11. Sette le persone ricoverate, tre in terapia intensiva.

Umbria – Quattro nuovi casi di coronavirus, 1.563 totali, sono stati accertati nell’ultimo giorno in Umbria dove vengono registrati anche tre nuovi guariti, 1.383. Arrivano quindi a cento gli attualmente positivi (più uno) secondo quanto riporta il sito della Regione. Segnalato anche un nuovo ricoverato all’ospedale di Perugia dove torna a esserci anche un posto occupato in rianimazione (nessuno fino a ieri). Sono complessivamente 11 i pazienti con il Covid nelle strutture sanitarie umbre, due in intensiva. Stabili a 80 i morti. Eseguiti 1.394 tamponi nelle ultime 24 ore, 136.524 in tutto.

Molise – La Regione ha zero ricoverati, ma registra sette nuovi casi di positività

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, sta aumentando la carica virale. Il virologo Broccolo e l’infettivologo Galli: “È il segnale di molte nuove infezioni”

next
Articolo Successivo

Treno deragliato a Carnate, un testimone: “Ho visto un vagone alzarsi di 20 metri. Siamo corsi subito lì, pensavamo ci fossero viaggiatori”

next