Si è concluso l’atteso incontro a Roma tra la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e il Comitato tecnico scientifico sui nodi ancora irrisolti per la riapertura delle scuole, dall’obbligo di indossare la mascherina in classe, qualora sia impossibile garantire le distanze, al protocollo da seguire in caso di studenti sintomatici. Le linee guida definitive non sono ancora state ufficializzate, ma gli scienziati hanno fatto sapere che i documenti saranno “resi disponibili a breve”. Mentre Domenico Arcuri ha annunciato che saranno “distribuite 11 milioni di mascherine gratuite al giorno”.

E hanno dato le prime indicazioni su come sarà l’avvio del nuovo anno scolastico al tempo del coronavirus: nuovi banchi monoposto “in consegna dall’8 settembre” con completamento “nel mese di ottobre”, percorsi differenziati negli istituti “per evitare assembramenti”, distanziamento interpersonale “da garantire quanto prima in tutte le scuole”. Oltre al coinvolgimento di pediatri e medici di base nella gestione dei positivi e la rassicurazione ai presidi sulle responsabilità penali in caso di contagi in aula.

Il Cts: “Avvio dell’anno è priorità assoluta” – La premessa degli scienziati, espressa al termine del vertice con la ministra, è che la ripartenza “rappresenta una priorità assoluta per il Paese”. Un modo per sgombrare il campo dalle preoccupazioni di chi, nei giorni scorsi, aveva paventato il rischio di un avvio delle lezioni a macchia di leopardo sul territorio nazionale. “Per il raggiungimento di questo obiettivo stanno lavorando, in maniera continuativa, sinergica e coordinata sia i Ministeri ad essa particolarmente interessati (Ministero dell’Istruzione e della Salute), sia il Commissario Straordinario per l’Emergenza, sia il Comitato Tecnico Scientifico”, si legge nel comunicato. “Al centro della riunione il parere del Cts del 12 agosto che resta confermato, così come è stato ribadito l’obiettivo di garantire quanto prima in tutte le scuole il necessario distanziamento interpersonale”. In sostanza gli scienziati ribadiscono quanto affermato poche settimane fa: le mascherine saranno obbligatorie solo qualora non si riesca a garantire il distanziamento sociale, ad esempio in aule troppo piccole o prive di banchi monoposto.

Mascherina in classe? – Nel corso della giornata il coordinatore del Cts Agostino Miozzo aveva fatto immaginare un’ulteriore stretta dichiarando a SkyTg24 che l’indicazione sarebbe stata “utilizziamo la mascherina perché è un importante strumento contro il virus”. Una linea che però ora sembra essere stata smentita dal Cts. Presidi ed enti locali, infatti, sono al lavoro da settimane per garantire a tutti spazi adeguati, ad esempio individuando strutture esterne alle scuole dove collocare gli studenti in eccesso, ma in molte realtà locali non è detto che si riesca a raggiungere l’obiettivo in tempo. Da qui la concessione degli scienziati, limitata “al periodo necessario a consentire la ripresa delle attività”. Con il commissario per l’emergenza Arcuri che ha assicurato la distribuzione di “11 milioni di mascherine gratuite al giorno alle scuole” e di “170mila litri di gel igienizzante la settimana”.

Cosa fare in caso di sintomi a scuola – Un altro tema all’ordine del giorno era quello del protocollo da seguire in caso di contagio a scuola. Già martedì il viceministro Pierpaolo Sileri aveva anticipato la linea del governo, sostenendo che per impedire la diffusione del virus verrà predisposta la “chiusura temporanea” degli istituti dove si registrano alunni infetti. “È sicuro che ci saranno dei casi nelle scuole. Se si dovesse verificare un caso non vorrà dire chiudere le scuole, vorrà dire esaminare il contesto di volta in volta e, se necessario, mettere in quarantena una classe o l’intera scuola: questo sarà discusso di volta in volta con le autorità sanitarie locali”, spiega oggi Miozzo. L’ipotesi a cui lavora il Cts, riunito per valutare il documento preparato da Istituto Superiore di Sanità, Inail e ministeri sull’argomento, è quella di effettuare tamponi immediati in caso di studenti o prof con sintomi (in modo analogo a quanto avviene negli aeroporti) e di portarli in una “sala Covid” in attesa del ritorno a casa. Se si sarà costretti a mettere un’intera classe o un istituto in quarantena, poi, scatterà la didattica a distanza.

“Coinvolti i pediatri” – Per l’ufficialità bisognerà attendere qualche giorno, quando le linee guida saranno rese pubbliche, come confermato dal Comitato: “Il confronto fra i rappresentanti dei ministeri, quelli di Inail, di Istituto superiore di Sanità e Regioni – spiega il Cts – ha portato anche alla finalizzazione di documenti puntuali, che saranno a breve resi pubblici, che rigorosamente permetteranno ai dirigenti scolastici e ai rappresentanti per l’emergenza Covid-19 da loro nominati di gestire nella maniera più efficace l’eventuale identificazione di soggetti, siano essi studenti o personale scolastico, che risultino essere contagiati”. Un percorso nel quale avranno “un attivo coinvolgimento” sia i “pediatri di libera scelta” che i “medici di medicina generale”, chiamati “assieme ai Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie locali a garantire ottimale supporto alle scuole e gestione dei soggetti infettati”.

“I presidi stiano tranquilli su responsabilità penale” – Le preoccupazioni dei dirigenti scolastici per eventuali responsabilità sotto il profilo penale, aggiunge il Cts, “non hanno motivo di esistere in base a quanto previsto dalla Legge 40 del 5 giugno 2020”, chiariscono gli scienziati ricordando quanto previsto per tutti i datori di lavoro, la cui responsabilità in caso di contagio sul posto di lavoro è esclusa. Ai dirigenti e a tutto il personale scolastico, docente e non, precisa il Cts, va “anticipatamente il ringraziamento per quanto faranno con la consueta passione e professionalità per la ripresa della scuola”.

Il calendario dell’arrivo dei banchi – In vista della ripartenza, però, ci sono ancora altri nodi da sciogliere, tra cui il capitolo banchi. Per garantire il distanziamento sociale tra i ragazzi, infatti, oltre ad aule più grandi sono in arrivo i circa 3 milioni di arredi – tra banchi monoposto e sedie – ordinati dal ministero tramite il bando europeo del commissario Arcuri. Anche su questo è prevista una riunione a cui sono attesi esponenti dell’Anci, dell’Associazione nazionale presidi, il ministro dell’Istruzione, lo stesso Arcuri, gli Uffici scolastici regionali e i maggiori sindacati della scuola. Stando alle ultime informazioni, confermate dal Cts, la distribuzione dei primi banchi agli istituti che ne hanno fatto richiesta comincerà l’8 settembre e andrà avanti per tutto il mese di ottobre. Previste sanzioni per le imprese vincitrici della gara che dovessero sforare i tempi di consegna.

Il protocollo per le scuole dell’infanzia – Con un comunicato congiunto diffuso nel pomeriggio, Cgil, Cisl e Uil hanno fatto sapere di aver sottoscritto con il ministero della Salute il Protocollo sicurezza per servizi educativi e scuole dell’infanzia. “I bambini, le famiglie e i lavoratori del sistema integrato per l’educazione e istruzione da 0 a 6 anni potranno iniziare a settembre un nuovo percorso educativo sicuro e strutturato”, dichiarano. “Con questa firma, si creano le condizioni affinché, nello spirito di responsabilità e di condivisione, la molteplicità dei soggetti coinvolti potrà convergere per assicurare le migliori condizioni della ripartenza”. Nel documento, da diffondere ora ai presidi degli istituti, sono indicate le regole da rispettare in materia di igienizzazione di locali e arredi; gestione della prima fase di manifestazione di sintomi riconducibili al contagio; informazione sulle regole di prevenzione per bambini, genitori e docenti. Inoltre, cinque i punti “particolarmente qualificanti” che secondo sindacati confederali e categorie “aprono prospettive di ulteriore approfondimento e miglioramento”: si tratta cioè di garantire la stabilità e la continuità delle classi con i propri maestri, evitando l’utilizzo promiscuo di spazi da parte dei bambini di diversi gruppi/sezioni. I sindacati hanno ottenuto anche il coinvolgimento delle Asl nel sostegno psicopedagogico e soluzioni più flessibili rispetto al passato relative ai servizi mensa.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaia Bianchi mi ha dato un’idea. Perché ‘ste discoteche non le teniamo aperte e ci facciamo lezione?

next
Articolo Successivo

Scuola, i presidi contro il Cts: “Vengano loro a costringere i bambini di sei anni a portare la mascherina. Se la tolgono che si fa? Una nota?”

next