Uomini, donne e bambini, fino a 60 ogni notte, vengono trattenuti dalla polizia di frontiera francese nei container di ponte san Luigi, al confine franco-italiano di Ventimiglia. Come già denunciato dal Consiglio di Stato francese nonostante la condanna della Corte Europea dei Diritti Umani, le persone restano ammassate e respinte collettivamente in violazione delle norme che regolano l’immigrazione. Nelle immagini girate all’interno di questi container e raccolte dal “Progetto 20k” di monitoraggio e supporto alle persone in transito alla frontiera, si vedono le scarse condizioni igieniche all’interno di questi spazi, con container condivisi e totale assenza di dispositivi anti-contagio. “Le norme per contenere il coronavirus, qui, sembrano non esistere – denunciano gli attivisti – mentre in città la chiusura del campo della Prefettura comporta ulteriori elementi di pericolo per le persone costrette ad accamparsi in strada in attesa del momento giusto per passare la frontiera”. Nonostante le proteste e il contesto potenzialmente emergenziale il campo di transito gestito dalla Croce Rossa è stato chiuso e, nel tempo trascorre tra l’arrivo (o il respingimento dalla Francia) e il nuovo tentativo di passaggio, le persone restano sul territorio di Ventimiglia con il solo supporto dei volontari della Caritas e degli attivisti di gruppi internazionali come i “Kesha Niya”, che continuano ad effettuare la distribuzione di pasti e offrire orientamento legale ai migranti presenti sul territorio di frontiera.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il virologo Pregliasco: “Discoteche estive? Riaprirle è stato un compromesso. La movida è tra i fattori di rischio di una seconda ondata”

next
Articolo Successivo

L’ex portiere del Trento ucciso dalle vespe: Gunther Mair punto mentre passeggiava tra i boschi

next