di Maurizio Becchia

Il titolo dice tutto: “Esodi estivi, bollino nero il 4 e l’11 agosto. Ma il traffico comincia dal week end”. Sono anni, decenni direi: arriva agosto e vai con le code chilometriche (sempre nei soliti posti , gli imbuti ben noti). Sono sempre decenni che si parla di “partenze intelligenti” purtroppo senza risultati.

D’altronde se tutta Italia chiude nello stesso periodo cosa ci si può aspettare? Oltretutto con le disponibilità ridotte che costringono, chi può, a compiere dei mordi e fuggi di una settimana è anche impopolare parlare di partenze intelligenti: posticipare di due/tre giorni la partenza per uno che ha una settimana di vacanza e come invitarlo a stare a casa.

Sono invece decenni che i paesi del nord come Germania o Paesi Bassi sono riusciti a scaglionare le vacanze e le chiusure delle loro aziende addirittura da maggio/giugno a settembre. Ma possibile? Sono più intelligenti di noi o semplicemente sono riusciti a mediare tra le varie necessità? Io ricordo di aver partecipato sempre a fiere del settore tessile in Germania il mese di agosto come da loro calendario (riducendo ovviamente le mie vacanze).

Non credo che sia così proibitivo trovare una soluzione che consenta a tutti di farsi le meritate vacanze e nel contempo anche di migliorare le stesse in fatto di traffico durante gli spostamenti e qualità dei servizi all’arrivo; oggi tutto è concentrato in 15 giorni con relativi disagi ed affollamento di spiagge, negozi, hotel col risultato di lasciare una vita di code e stress in città per ritrovarla nelle località di villeggiatura.

Tra l’altro sarebbe un vantaggio anche per gli operatori del turismo che potrebbero contare su una frequentazione costante da giugno a settembre e quindi a poter applicare tariffe uniche senza il vincolo dell’alta/bassa stagione. Io credo che i benefici sarebbero tangibili per tutti. Anche in questo caso , come per lo spostamento del trasporto commerciale sulle lunghe tratte da gomma a ferrovia, è solo questione di volontà.

Se manca quella, tra un anno, saremo di nuovo qui a commentare le code, il bollino nero, gli incidenti, i tir e tutto il resto (compreso l’innalzamento della temperatura, i nubifragi, i ghiacciai che si sciolgono legati a decisioni sulla strategia ecologica ed ambientale che mai vengono prese). Cito Giuseppe Prezzolini: In Italia nulla è stabile fuorché il provvisorio. …

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jerusalema, perché multare l’ufficiale? Non prendiamoci in giro, quel balletto è un successo

next
Articolo Successivo

Bonus, la questione morale è solo politica? Guardiamoci allo specchio e iniziamo a riflettere

next