“Ora si dice che i nomi non li possiamo sapere perché c’è la legge sulla privacy, ma qui la privacy non c’entra niente. Qui si parla del rapporto di fiducia tra cittadino ed eletto. Come parlamentari del Movimento 5 stelle stiamo firmando un’autocertificazione di rinuncia alla privacy, tutto il gruppo parlamentare lo farà. E lo chiediamo a tutte le forze politiche”. Così Luigi Di Maio, esponente del Movimento 5 stelle e ministro degli Esteri, in diretta su Facebook chiede, dopo la lettera del capo politico Vito Crimi, un’operazione di trasparenza ai colleghi degli altri partiti. Dopo la vicenda dei parlamentari che hanno chiesto il bonus di 600 euro, continua: “Chiederemo le dimissioni, perché si devono dimettere. Dicono che si tratta di un ex 5Stelle ora al Misto, ma a noi non ci interessa”. E nel video-messaggio si rivolge anche a “qualche forza politica dell’opposizione”, che in queste ore ha detto che “non è colpa dei parlamentari ma dei commercialisti”. “Portate rispetto ai commercialisti perché agiscono su mandato del cliente”, chiosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Raggi anticipa ai suoi l’intenzione di ricandidarsi a sindaca: “Vado avanti”. Ora l’ultima parola spetta ai vertici del M5s

next
Articolo Successivo

Migranti, pronto nuovo decreto Immigrazione. Lamorgese: “Richiedenti asilo rientreranno nel sistema di accoglienza”

next