È morto per un infarto Michael Ojo, giocatore di basket statunitense di origine nigeriana in forza alla Stella Rossa di Belgrado. Il giocatore, nato il 5 gennaio del 1993 a Lagos, in Nigeria, è collassato mentre si stava allenando con la sua squadra. Trasportato in ospedale, i tentativi di salvarlo sono risultati vani. “La morte improvvisa e scioccante ha profondamente scosso tutti nel club”, si legge in una nota della società.

Secondo i media locali, Ojo era risultato positivo al coronavirus, ma si era ripreso. Il campione di 2,16 m era alla Stella Rossa dal 2018 ed era uno degli idoli dei tifosi, nonostante la società lo avesse rilasciato alla fine di questa stagione e il giocatore fosse alla ricerca di un nuovo ingaggio in Europa. “Addio gigante buono“, lo salutano i suoi fan su una pagina di supporter della squadra. Con la Stella Rossa aveva vinto il campionato serbo e la Lega Adriatica dello scorso anno e la Supercoppa nel 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus-Lione, i bianconeri tentano la rimonta all’Allianz Stadium per proseguire in Champions. Orario e dove vederla

next
Articolo Successivo

Lucillo Lievore e quell’intervista di Sergio Zavoli mentre era in fuga al Giro d’Italia poi diventata un cult: “Raccontava i comprimari”

next