Anziché essere protette dopo la traversata nel Mediterraneo, alcune giovani migranti del Centro di accoglienza di Capo d’Orlando, in provincia di Messina, sono state inserite in un giro di prostituzione e spaccio di droga. È quanto emerge dall’operazione dei carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello che stamattina hanno eseguito nove misure cautelari su richiesta del Gip: 5 persone sono finite agli arresti domiciliari, mentre per 4 è stato disposto l’obblighi di dimora. Gli indagati sono accusati a vario titolo di favoreggiamento della prostituzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Secondo gli inquirenti, a gestire l’attività illecita è stato il 65enne Giuseppe Campisi, ora ai domiciliari. È lui che avrebbe accompagnato le migranti ai vari appuntamenti, mettendo a disposizione anche un appartamento. In cambio di denaro e rimborsi carburante, l’uomo forniva un servizio taxi con la propria autovettura pure a un gruppo di ragazzi (tutti tra i 20 e i 30 anni) accusati di spaccio di marijuana, hashish e cocaina. Da qui il nome all’indagine, ribattezzata “Taxi Driver” e coordinata dalla procura diretta dal procuratore Angelo Cavallo. Durante i controlli è stato sequestrato un chilogrammo di marijuana, nascosta in un vecchio immobile.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roche-Novartis, nessun aggiotaggio: le due ‘big pharma’ assolte per il presunto cartello sui farmaci Lucentis e Avastin

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Friuli si indaga per sospetta frode sulle forniture delle mascherine. “In corso accertamenti su qualità e prezzi”

next