A Beirut si lavora senza sosta per spegnere le fiamme divampate nel magazzino del porto della capitale libanese da dove, secondo le prime ricostruzioni, sarebbero partite le due grandi esplosioni che nel tardo pomeriggio hanno devastato la città libanese. Pompieri ed elicotteri sono all’opera da ore, ancora da chiarire la causa delle deflagrazioni, probabilmente dovute al “nitrato di ammonio immagazzinato nel porto”. Si parla di decine di morti e migliaia di feriti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esplosione a Beirut, il momento della deflagrazione e la colonna di fumo viste dal mare – Video

next