A Beirut si lavora senza sosta per spegnere le fiamme divampate nel magazzino del porto della capitale libanese da dove, secondo le prime ricostruzioni, sarebbero partite le due grandi esplosioni che nel tardo pomeriggio hanno devastato la città libanese. Pompieri ed elicotteri sono all’opera da ore, ancora da chiarire la causa delle deflagrazioni, probabilmente dovute al “nitrato di ammonio immagazzinato nel porto”. Si parla di decine di morti e migliaia di feriti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esplosione a Beirut, il momento della deflagrazione e la colonna di fumo viste dal mare – Video

next