Antonio Conte rompe il silenzio dopo la sfuriata in conferenza stampa, l’attacco ai vertici dell’Inter e le voci su un suo futuro lontano da Milano già al termine di questa stagione. Lo fa con una nota ufficiale all’Ansa che assomiglia molto a una marcia indietro: “Ho sposato un progetto triennale con l’Inter e come ho sempre fatto nella mia vita lavorerò duramente e mi batterò con tutte le mie forze e con tutto quello che è nelle mie possibilità affinché sia un progetto vincente“. Un passo indietro per smentire le voci su un possibile addio, oppure un modo per ricompattare l’ambiente, tenerlo unito almeno fino alla fine dell’avventura in Europa League. Quando poi, inevitabilmente, allenatore e società tireranno le somme.

Intanto Conte smentisce categoricamente la possibilità di un ritorno alla Juventus, raccontata oggi in un articolo del quotidiano La Repubblica: “In merito all’articolo uscito oggi smentisco categoricamente il fatto di aver sentito dirigenti e giocatori della Juventus chiedendo ‘ma Sarri lo cacciano?’”, spiega l’ex allenatore della Nazionale. “Querelerò chi ha scritto quest’articolo e il direttore responsabile della testata”, ha dichiarato all’Ansa. Intanto gli ottavi di Europa League contro il Getafe (mercoledì 5 agosto, ore 21) si avvicinano e la situazione ad Appiano Gentile è tutto fuorché tranquilla, dopo le frasi che lo stesso Conte ha pronunciato al termine della gara con l’Atalanta: “Io e la squadra mai protetti dalla società. Mio futuro? Vedremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, il pagellone di fine campionato – Meravigliosa “Dea”, disastro Cairo, Conte insufficiente. E la Juve ha fatto il compitino

next
Articolo Successivo

Serie A, è ufficiale: il prossimo campionato inizierà il 19 settembre. Tra Covid ed Europei, rimane il ‘rischio’ playoff-playout

next