Lasciano il nome falso al ristorante e dopo alcuni giorni i sei camerieri del locale risultano positivi al coronavirus. È successo in un locale di Vico Equense, nel Napoletano, dove alcuni ragazzi romani si erano recati per una cena. A raccontare l’evento è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: “Ieri abbiamo avuto 29 contagi: di questi, sei contagi li abbiamo avuti a Vico Equense tra i camerieri di un ristorante dove erano andati alcuni ragazzi di Roma che erano venuti in ferie a Capri. Lì abbiamo verificato una cosa strana e incredibile: quando stanotte abbiamo cercato di individuare alcuni dei clienti che avevano frequentato quel ristorante, abbiamo scoperto che avevano dato dei dati falsi. Siamo veramente alla stupidità assoluta”, ha commentato il presidente durante un’iniziativa del movimento ‘Campania Libera – De Luca presidente’, a Casoria, in provincia di Napoli

“Se andiamo in un ristorante e chiediamo le generalità – ha sottolineato De Luca – questo ci serve perché, in caso di pericolo, l’autorità sanitaria può telefonarti a casa e dirti che sei andato a fare una cena in un momento in cui c’erano tre positivi”. Sempre in riferimento ai 29 nuovi casi di coronavirus registrati in Campania, De Luca ha spiegato che “nove contagi sono legati a un nostro concittadino, tossicodipendente, andato in Serbia una settimana fa. È tornato dalla Serbia, ha avuto la febbre, gli amici sono andati a trovarlo a casa, c’erano i familiari: una sola persona, nove contagi“.

De Luca ha ribadito che “dobbiamo essere responsabili e seri, se facciamo un po’ di sacrificio possiamo governare questa fase di pochi mesi che abbiamo davanti. Cerchiamo di convincerti che finché non abbiamo il vaccino dobbiamo convivere con il virus, e per convivere dobbiamo essere responsabili”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss: “Contagi stabili da un mese, ma età media più bassa: 40 anni anziché 60. Nuovi positivi, il 30% è asintomatico”

next
Articolo Successivo

Nasce ResQ, il progetto di una nave italiana di soccorso nel Mediterraneo. L’ex pm Colombo: “Salvare sempre chi rischia di annegare”

next