“Lo smartworking ci ha aiutato durante il lockdown, va incentivato ma dobbiamo stare attenti che non diventi un carico ulteriore per le donne“, così la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, intervenendo durante “Le Olimpiadi delle Idee“, la due giorni organizzata dal Movimento 5 stelle e dall’associazione Rousseau. Secondo i dati della ministra, “il Ministero del Lavoro ha messo in smart working il 90% del personale durante il lockdown” e “più di 2 milioni di lavoratori del privato hanno usato lo smart working con benefici importanti”. Oltre al sovraccarico per le donne, i “pericoli” del lavoro agile sono molti, come “il diritto alla disconnessione“, ma anche “temi dibattuti” come quello “se si ha diritto al buono pasto o no”. Per questo, ha aggiunto Catalfo, “va attenzionato il tema di come regolamentare questo tipo di lavoro, per questo mi sono resa disponibile nelle prossime settimane a incontrare le parti sociali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassa integrazione, Loy (Inps): “Mancano tra 400mila e 800mila pagamenti”. Per l’istituto solo 65mila non hanno ricevuto nulla

next
Articolo Successivo

La seconda vita degli operai che hanno abbandonato l’Ilva di Taranto: “Ora arte, cibo e turismo. Il posto fisso? Va bene per i film di Zalone”

next