I piccoli imprenditori hanno una grave malattia che si manifesta in tutta la sua gravità durante i periodi di crisi: si innamorano troppo del loro prodotto, della loro offerta, senza “ascoltare” il mercato. Senza sapere cosa invece vogliono i potenziali acquirenti. E quando lo fanno, anche con metodologie artigianali e self-made, spesso si accorgono che i clienti adottano comportamenti molto diversi da quelli previsti dalle ricerche di mercato.

Il motivo è chiaro. Gli esseri umani sono animali fortemente sociali e appartengono contemporaneamente a molti gruppi sociali, ognuno con una propria identità distinta. Quando andate in chiesa probabilmente non vi identificate come un tifoso della Juventus o del Napoli, e all’inverso non vi sentite particolarmente cattolici mentre siete allo Juventus Stadium o al San Paolo. E il gruppo sociale con cui, in quel momento, vi state identificando influenza le vostre reazioni che si modificano velocemente anche di fronte a sottili cambiamenti di contesto.

Come intercettare le reazioni dei clienti? Immaginate di avere un’idea o un prodotto, ma nessuno tranne voi ne è a conoscenza. Quindi, voi e la vostra idea (o prodotto) non esistete nel mercato. Per essere percepiti si deve attirare l’attenzione dei destinatari. L’importanza di essere percepiti in modo efficace non è solo l’esperienza aziendale quotidiana di chi comunica, ma una caratteristica di base del mondo in generale. Attirare l’attenzione è un pre-requisito per fare business, per vincere le elezioni o per dare forma alla società. Nel mondo post-moderno contano solo le idee, le merci, le persone e le imprese che sono visibili e comunicano informazioni.

Ma quante sono le informazioni disponibili? Il numero di informazioni che ci raggiungono è aumentato in modo esponenziale negli ultimi quindici anni. E continuerà ad aumentare. L’informazione è una risorsa potenzialmente infinita. Ma se l’informazione non ha limiti di crescita, lo stesso non si può dire della nostra attenzione che è una risorsa finita, probabilmente la più scarsa sul nostro pianeta, ed è contesa tra decine di attori.

È stato Herbert Simon, premio Nobel per l’economia, a notare già nel 1971 che l’overload di informazione disponibile genera scarsità di attenzione. L’informazione consuma attenzione e bisogna quindi allocarla in modo efficiente, ma è anche difficile da ottenere.

La prima conseguenza cognitiva dell’overload è l’impoverimento della nostra attenzione, perché siamo costretti a distribuirla tra tutte le fonti di informazione con cui viene a contatto. A farne le spese sono soprattutto le marche e i prodotti dei piccoli imprenditori. Per le marche è sempre più difficile farsi vedere e farsi ascoltare, soprattutto per quelle che investono poco in formazione e comunicazione. Nei paesi anglosassoni l’equazione visibilità=vendita è espressa dal motto unseen, unsold. In effetti, non essere visti in un contesto comunicativo affollato è ben più che un rischio, è un suicidio.

Per essere visti occorre fornire al cervello informazioni di qualità, consapevoli che esso dispone di un filtro cognitivo capace di distinguere ciò che è rilevante da ciò che non lo è e lo conduca alla decisione con il minor rischio di errore. In definitiva, un messaggio efficace dovrebbe essere narrativo, emozionale, privo di ambiguità e molto semplice, per consentire al cervello umano di raccogliere rapidamente le poche informazioni-chiave per elaborare un giudizio con il minor sforzo cognitivo possibile.

Poiché l’attenzione dei consumatori è diventata l’oggetto del desiderio di tutti, è importante capire che occorre una nuova metrica, la cosiddetta quota di attenzione, che consenta di verificare qual è la performance del prodotto nel nuovo mercato dell’attenzione. Non si tratta di una metafora o di un concetto riservato solo alle grandi imprese ma di una concreta possibilità di analisi per il micro-marketing. Costruire una nuova strategia dell’attenzione vuol dire, prima di tutto, comprendere quali sono le reazioni cognitive ed emozionali dei consumatori ad un messaggio e poi individuare che cosa attrae la loro attenzione e perché.

Occorre molto impegno e la disponibilità a saper usare con professionalità i nuovi strumenti (social, sito web, recensioni on line) per capire cosa muove l’interesse inconscio dei consumatori. Senza l’impegno non vi è alcuna possibilità di costruire un rapporto più profondo con i propri clienti, tanto meno vendergli qualcosa. Senza la consapevolezza e la conoscenza infatti non può esserci alcuna azione efficace e di successo. Formarsi al riguardo è una necessità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, salgono le adesioni all’offerta di Intesa Sanpaolo su Ubi. Chi guadagna dall’operazione?

next