È risultata positiva al coronavirus mentre era incinta, poi le sue condizioni sono peggiorate e allora i medici hanno deciso di far nascere la bimba che portava in grembo mentre lottava tra la vita e la morte, attaccata a un respiratore. Il parto non ha avuto intoppi e anche la piccola sta bene ma lei non ce l’ha fatta. È morta a 35 anni senza poter mai abbracciare la neonata. È la storia Aurora Chacon Esparza, deceduta nelle scorse ore al North Memorial Hospital di Brooklyn Center, in Minnesota, Stati Uniti, dove era stata ricoverata dopo essere risultata positiva al Covid-19.

I medici erano preoccupati che il feto – alla trentesima settimana di gestazione – non stesse ricevendo abbastanza ossigeno e hanno optato per un taglio cesareo d’emergenza. Ma mentre la piccola Andrea sta bene, per la mamma non c’è stato nulla da fare, come hanno reso noto i suoi familiari. “Mia moglie riposa ora tra le braccia di Dio – ha scritto il marito Juan Duran sui social -. Purtroppo non ce l’ha fatta”. La piccola Andrea è la loro terza figlia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Covid è un tornado. Sono guarito ma ora è come se una parte del mio cervello non funzionasse”: la testimonianza di Richard Quest

next
Articolo Successivo

Nasconde le sveglie per impedire ai colleghi di fare la “pennichella” al lavoro: dipendente pubblico sotto accusa

next