Omicidio-suicidio. Questa l’ipotesi dei carabinieri del comando provinciale di Latina nelle indagini su quanto avvenuto nella notte ad Aprilia, in provincia di Latina. Un uomo di 48 anni avrebbe colpito con tre proiettili il torace della moglie di 45 per poi togliersi la vita sparandosi in testa. L’arma del delitto una pistola calibro 38 regolarmente detenuta. La coppia si era da poco trasferita ad Aprilia dal comune di Marino, sui Castelli romani, e gestiva un banco al mercato locale. Entrambi erano originari di Caltanissetta. Dalle prime ricostruzioni non sembra che i due si stessero separando. Ad avvertire i carabinieri un parente della coppia che viveva nella stessa casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paracadutista del ‘Col Moschin’ trovato morto sotto un traliccio a Piombino: “Ipotesi caduta accidentale o base jumping”

next
Articolo Successivo

Roma, omicidio in strada nella frazione di Spregamore: 48enne ucciso a colpi di pistola. Si costituisce il vicino di casa: “Sono stato io”

next