Cinque colpi, un uomo a terra in una pozza di sangue e il vicino di casa che si presenta dopo poche ore in caserma: “Sono stato io”. Avrebbe già un volto l’omicida di Fabio Catapano, 48enne ucciso venerdì mattina da alcuni colpi di pistola davanti alla sua abitazione in via Sparanise, nella frazione di Spregamore, in zona Castel di Leva, alle porte di Roma.

L’uomo, un imbianchino incensurato, è stato freddato davanti al cancello carrabile del comprensorio dove viveva con la compagna e i suoi figli. A poche ore dall’omicidio un suo vicino,un 23enne, si è presentato nella caserma dei carabinieri per costituirsi. “L’ho ucciso io”, avrebbe detto ai militari, spiegando di aver agito per motivi passionali. Un tradimento subito dalla vittima al quale, però, gli investigatori al momento sembrano credere poco e per questo le sue dichiarazioni restano al vaglio degli inquirenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Latina, spara alla moglie e si toglie la vita con la stessa arma. Indagini dei carabinieri

next
Articolo Successivo

La droga dello stupro nell’aperitivo poi l’abuso: arrestato il “mago Ermes”

next