La decisione sul Recovery Fund “è stata senza precedenti” e “modifica i termini del rapporto tra Commissione e governi nazionali. Adesso sono i singoli Stati a essere richiamati a una maggiore responsabilità indicando i propri progetti di rilancio. Tocca ora a noi, capi di Stato e di governo, assumere una decisione altrettanto coraggiosa. Quando sono in pericolo le fondamenta dell’Ue, nessuno Stato può avvantaggiarsi a scapito di altri. In questo grave tornante della storia Ue o vinciamo tutti o perdiamo tutti”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella sua informativa alla Camera in vista del Consiglio europeo del 17 luglio. Conte ha anche criticato i nazionalismi, definiti “anacronistici” e portatori di “paure” e di una visione di “un piccolo mondo antico, tutt’altro che sicuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, il Pd: “La fermezza di Conte ha consentito un accordo insperato”. Crimi: “Risultato straordinario grazie a lavoro M5s”

next
Articolo Successivo

Recovery fund, Conte alla Camera: “Saremo i primi a presentare piano di rinascita a Bruxelles”. Italia viva vota con +Europa per attivazione del Mes: bocciate risoluzioni Bonino

next