Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 114 nuovi contagi da Covid-19 nel nostro Paese, in calo rispetto ai 169 di ieri. È il dato più basso da fine febbraio, cioè da quando è esplosa l’epidemia. Salgono invece i morti: dopo le 13 vittime di ieri, oggi hanno perso la vita altre 17 persone. I casi totali di coronavirus in Italia arrivano quindi a 243.344, mentre i decessi a 34.984. Lo riferisce il consueto bollettino diffuso dal ministero della Salute. Rispetto a ieri scendono anche le persone attualmente positive (12.919) e aumentano i guariti, avvicinandosi sempre di più alla soglia dei 200mila. Con 335 persone “negativizzate” nelle ultime 24 ore, infatti, i guariti arrivano a 195.441. Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, sono 777 le persone attualmente ricoverate con sintomi e 60 quelle in terapia intensiva. 12.082, invece, si trovano a casa in isolamento domiciliare.

A livello regionale i dati peggiori sono sempre quelli che arrivano dalla Lombardia, con 30 casi ulteriori in 24 ore. Anche se in percentuale (26,3% del totale nazionale) si tratta di un livello molto più basso se confrontato con quello delle ultime settimane. Seguono il Veneto, con 19 nuovi infetti, e i 18 del Lazio. Le Regioni a contagio zero sono otto: Campania, Puglia, Abruzzo, Umbria, Calabria, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata, a cui si aggiunge la provincia autonoma di Trento. Con i tamponi effettuati ieri (41.867), il totale dei test effettuati in Italia dall’inizio della pandemia sfonda il tetto dei 6 milioni.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, estradata dalla Spagna l’anarchica Francesca Cerrone: voleva riorganizzare il movimento ed è accusata di atti di terrorismo

next
Articolo Successivo

Arezzo, venditore di accendini fa fallire un furto nel negozio: l’azienda lo assume

next