Proseguono le indagini sulla scomparsa della piccola Maddie McCann, la bambina inglese di cui si sono perse le tracce il 3 maggio 2007 mentre era nel resort Praia da Luz, in Portogallo, insieme ai genitori. Nelle scorse settimane la procura tedesca ha dichiarato che “ci sono prove” che la piccola sia morta, ma a continuare le ricerche è la polizia portoghese che, nell’ambito delle indagini, ha ispezionato tre pozzi abbandonati nella regione di Algarve. Secondo quanto riportano i media britannici, squadre di poliziotti e sommozzatori hanno ispezionato per otto ore i pozzi – il più grande dei quali è profondo 13 metri – giovedì scorso nel comune di Vila do Bispo. La zona dista solo circa 16 chilometri dal resort di Praia da Luz, ed è vicina alla spiaggia dove nel 2007 venne fotografato il camper di Christian Brueckner, il pedofilo pluripregiudicato tedesco sospettato del rapimento e dell’uccisione di Maddie che attualmente è rinchiuso in un carcere in Germania per altri reati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Patrick Zaki, detenzione rinnovata di altri 45 giorni. Amnesty: “Decisione inumana. L’Egitto pensa che ci scorderemo di lui, ma si sbaglia”

next