Tutti presi dai problemi della pandemia, i partiti politici sembrano aver perso ogni capacità di progettare e proporre le riforme necessarie all’Italia. L’ultimo tentativo è stato quello del governo Renzi, che era riuscito a far approvare una serie di riforme costituzionali capaci di risolvere alcuni dei principali problemi che rallentano e appesantiscono la vita del nostro Paese, con rilevanti costi superflui. Le ricordo in estrema sintesi:

– L’abolizione del “bicameralismo perfetto” – che raddoppia i tempi di approvazione delle leggi – e la trasformazione del Senato in organismo rappresentativo degli enti locali, sul modello del Bundesrat tedesco;

– La riduzione del numero dei parlamentari;

– Un taglio alle competenze delle regioni, troppo spesso interferenti con quelle dello Stato;

– L’abolizione delle Province, che avrebbe facilitato quella di tanti organismi ormai superati come le Prefetture (ospitate in 110 fra i più prestigiosi palazzi d’Italia);

– L’eliminazione di organismi rivelatisi superflui come il Cnel, che occupa una sede sfarzosa nel cuore di Villa Borghese a Roma;

– Un ruolo più incisivo per la democrazia diretta, a partire dai referendum.

Nel dicembre del 2016 il complesso di queste riforme costituzionali è stato sottoposto ad un referendum confermativo ed è stato bocciato dal 60% degli elettori: un risultato spiegabile in gran parte con l’errore “storico” di Renzi (“Se perdo mi dimetto e lascio la politica”). Una promessa che ha indotto a votare “no” un numero rilevante di elettori che – pur rendendosi conto della importanza delle riforme in gioco – hanno preferito votare “no” per una motivazione non propriamente politica, che si può riassumere in tre parole: “Renzi è antipatico”.

Dinanzi ai sondaggi elettorali che danno come probabile la vittoria di una destra antieuropea e xenofoba, penso che il Pd – in quanto maggiore partito della sinistra riformista – dovrebbe riprendere le proposte bocciate nel dicembre del 2016 e portarle avanti con decisione, non dimenticando (come molti tendono a fare) che Renzi era, oltre che il capo del governo, il segretario del Pd, cui dunque appartiene quel notevole patrimonio di idee riformatrici.

E forse lo stesso Renzi – vedendo riprese le sue riforme – potrebbe chiudere la guerriglia aperta con il Pd con l’uscita dal Partito Democratico e la creazione di un ennesimo “partitino”, che rischia – alle prossime elezioni – di non superare nemmeno il quorum e di restare fuori dal Parlamento (lo stesso rischio che corrono Emma Bonino con +Europa e Carlo Calenda con “Azione”, per l’incomprensibile rifiuto di unire le forze).

Alle riforme già ricordate andrebbero aggiunte novità importanti almeno su altri tre temi.

1. Il primo è quello della evasione fiscale. Con circa 150 miliardi, l’Italia è al primo posto in Europa. Recuperando solo un terzo della evasione, si potrebbero affrontare – e almeno in parte risolvere – gran parte dei problemi economici e sociali del Paese: la disoccupazione, la povertà, il dramma dei disabili gravi, l’integrazione degli immigrati. Ma in Italia l’evasione non è perseguita penalmente, come negli altri grandi paesi del mondo: i detenuti per reati fiscali da noi sono 150, 8.600 in Germania, 12mila negli Stati Uniti.

2. Il secondo è quello della educazione civica, che dovrebbe diventare una materia di primaria importanza fin dai primi anni di scuola e dovrebbe “insegnare” i diritti ma anche – e forse soprattutto – i doveri, primo fra tutti quello di pagare le tasse. Si tratta di surrogare così l’incapacità, per gran parte dei genitori, di insegnare ai figli i principi basilari del nostro sistema (a partire dalla Costituzione) e le semplici regole del quotidiano vivere civile.

3. Il terzo è la creazione, nei governi, di una struttura incaricata di garantire l’attuazione dei programmi e di fronteggiare le situazioni eccezionali (terremoti e disastri, purtroppo, non mancano mai). Dovrebbe trattarsi, ovviamente, di una struttura consistente, affidata preferibilmente ad un manager o ad un politico con significative esperienze manageriali ed amministrative: una specie del “risolvo problemi” di Pulp Fiction.

Nel corso degli anni passati, una figura del genere avrebbe potuto impedire, per fare solo due esempi, lo scandalo del “Mose” – di cui da decenni si attende il completamento e che alla fine sarà costato più della Autostrada del Sole – e l’imbarazzante vicenda della revoca della concessione ai Benetton della rete autostradale dopo la tragedia di Genova, con l’ipotesi di affidare 4.000 km di rete all’Anas, che è una delle più inefficienti fra le aziende pubbliche italiane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prodi riabilita Berlusconi: un bel campanello d’allarme

next
Articolo Successivo

Autostrade, i Benetton a Conte: “Sempre rispettato istituzioni”. Zingaretti: “Rilievi del premier condivisibili”. Renzi contro revoca

next