In sette sono già state ascoltate dagli investigatori e altre si sarebbero fatte avanti con l’imprenditrice 56enne che, lo scorso 13 giugno, lo ha denunciato dopo essere fuggita dal suo seminterrato. Racconta tutte una storia simile: il giornalista di Mediaset, ora sospeso dall’azienda, ed ex assessore di Milano Paolo Massari, in carcere a San Vittore da quasi un mese con l’accusa di violenza sessuale, le avrebbe aggredite sessualmente. Molte delle violenze di cui le donne hanno riferito sono lontane nel tempo e poiché il reato è procedibile solo per querela, da sporgere entro sei mesi, non saranno mai perseguibili penalmente.

Venerdì – come riporta il quotidiano La Stampa – si è svolto l’incidente probatorio dell’imprenditrice per cristallizzare il suo racconto. Davanti alla procuratrice aggiunta Letizia Mannella e alla pm Alessia Menegazzo, nonché al difensore di Massari, l’avvocato Luigi Isolabella, ha ripercorso quel sabato sera di metà giugno quando, dopo un aperitivo con Massari, suo compagno di scuola ai tempi del liceo, lui l’ha invitata a casa per cambiare mezzo di trasporto e proseguire la serata in un ristorante.

Ma all’arrivo nell’appartamento, ha ribadito di nuovo, lui l’ha aggredita sessualmente “scaraventandola sul divano” fino a quando non è riuscita a fuggire correndo nuda in mezzo alla strada in zona Porta Venezia per chiedere aiuto. Stando alle altre testimonianze, si tratterebbe di un modus operandi che gli inquirenti, scrive sempre il quotidiano torinese, definiscono “seriale”. Dopo la denuncia dell’imprenditrice, altre due donne si erano fatte avanti con la trasmissione Chi l’ha visto? per raccontare storie simili, adesso arrivano altre testimonianze che per i poliziotti della Squadra Mobile irrobustiscono il quadro della personalità di Massari. Il giornalista nel 2010, quando era assessore l’ex assessore della giunta Moratti, si dimise e lasciò la carriera politica dopo le accuse di molestie sessuali – poi non sostanziate in sede penale – di una diplomatica norvegese e di una dipendente del Comune.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’ex terrorista Cesare Battisti reclama per la qualità del cibo in carcere: “Peggiorato il mio stato di salute”

next
Articolo Successivo

Sicilia, a Santa Caterina Villarmosa comune sotto inchiesta tra appalti, viaggi ed escort: ‘Livello infimo di mercimonio della funzione pubblica’

next