Una rete di affari illeciti tra professionisti, imprese ed amministratori del comune siciliano di Santa Caterina Villarmosa al cui vertice c’era il sindaco, Antonino Fiaccato, descritto come “un signore di epoca medioevale” insieme al vicesindaco Agatino Macaluso, e di vari componenti della giunta comunale. I carabinieri e i finanzieri di Caltanissetta hanno eseguito 16 misure cautelari nei confronti di politici e imprenditori, tutti indagati a vario titolo per associazione a delinquere, concussione, corruzione, falso ideologico e abuso di ufficio.

Sindaco, vicesindaco e assessore si trovano ora agli arresti domiciliari, per gli altri invece sono state disposte, a vario titolo, la sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio, l’obbligo e il divieto di dimora e altre misure interdittive. Per gli inquirenti nel piccolo comune dell’entroterra siciliano c’era un “perdurante sistema concussivo-corruttivo, al cui vertice si poneva il sindaco Antonino Fiaccato, con il consapevole concorso di fidati collaboratori”, tra cui il suo vice Agatino Macaluso, l’assessore Giuseppe Natale, e Calogero Rizza, “vera interfaccia tra la componente politica e gli imprenditori”.

Le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta sono nate da un’altra operazione, “Pandora”, incentrata sulle infiltrazioni mafiose di S. Cataldo e su presunti episodi di corruzione a carico di pubblici funzionari in concorso con imprenditori locali. Proprio esaminando i documenti sequestrati, gli inquirenti hanno cominciato ad approfondire questo nuovo filone, l’operazione “Cerbero”.

Dalle perquisizioni svolte nel 2019 tra gli uffici comunali e le abitazioni degli indagati, le forze dell’ordine hanno ricostruito uno scambio di ‘favori’ elargiti con generosità ai funzionari come ricompensa per l’appoggio alle condotte illecite del sindaco. Al contrario, i dipendenti e i politici che si ponevano in contrasto con questo sistema venivano emarginati e costretti alle dimissioni. Sistema alimentato anche dalla “compiacente e interessata” platea di imprese e di professionisti attratti dalla possibilità di ottenere incarichi, servizi e forniture al di fuori delle regole. Gli inquirenti parlano di un vera e propria “gestione familistica” sotto la regia del sindaco Fiaccato che si comportava come “un signore di epoca medioevale” distribuendo benefit e agli “amici” e “minacce velate” a chi non rispettava la sua volontà.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, lo spettacolo della Pompei subacquea: il complesso termale del Parco Sommerso di Baia

next
Articolo Successivo

Italo post-Covid, si salvi chi può!

next