Colpo di scena: “Cipollino” è tornato single a un passo dal matrimonio e dai 75 anni. Attraverso le pagine del settimanale “OggiMassimo Boldi ha ufficializzato la fine della storia d’amore con Irene Fornaciari, solo omonima della figlia di Zucchero, con cui l’attore aveva stretto un rapporto sentimentale da circa due anni. “Ho pensato di sposarla, a un certo punto. Mi sono avvicinato quanto potevo alla sua vita. Ho conosciuto i suoi amici, preso persino una casetta a Lucca solo per noi due”, ha raccontato il re dei cinepanettoni. Infatti, a fine dicembre, le aveva regalato un anello: per lui era un pegno d’amore nei confronti della donna con cui sarebbe stato pronto a un secondo matrimonio dopo quello con l’amata moglie Maria Teresa, scomparsa nel 2004.

Poi, però, ha preso il sopravvento un sentimento nuovo, diverso. “La verità è che potevo darle troppo poco e ho capito che sarei stato infinitamente egoista a continuare questo rapporto. Ho preferito chiudere, è stato un atto di onestà”, ha raccontato l’attore, confermando la fine della storia con la giovane donna che, nonostante la differenza d’età di 34 anni, gli aveva rubato il cuore.

Dopo essersi conosciuta per caso nel 2018 durante un viaggio in treno, la coppia si era presentata alla stampa e alla tv con grande entusiasmo. Grazie a lei, proprietaria di un negozio di gioielli lontana dai riflettori, Boldi aveva ritrovato il sorriso in seguito alla fine della storia con Loredana De Nardis. Ora l’attore e Irene Fornaciari sono legati da un rapporto di amicizia. Lui le augura di trovare la persona giusta. E, nonostante tutto, le vorrà sempre bene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mio zio Donald Trump è un mostro. L’uomo più pericoloso al mondo”: le rivelazioni della nipote Mary nel suo libro-scandalo

next