Dove andranno in vacanza i virologi? Loro che abbiamo visto in tv negli ultimi mesi, medici che ci hanno fornito preziosi consigli, come si comporteranno e quali mete sceglieranno? A queste domande ha fornito risposte il settimanale Oggi a cui Massimo Galli, direttore del dipartimento di Scienze biomediche e cliniche del Luigi Sacco, ha spiegato che si riposerà con la moglie sul Lago Maggiore, ammettendo però che “se non ci fosse stato il Covid sarei andato all’estero, amo i viaggi alla scoperta di mete naturalistiche.”

L’epidemiologo Pierluigi Lopalco, professore di Igiene all’Università di Pisa, a capo in Puglia della task force anti-Covid voluta dal governatore Michele Emiliano, ha prenotato un trullo in Salento dove trascorrerà qualche giorno di ferie a luglio in compagnia di amici: “Durante il lockdown non ci siamo visti e così abbiamo deciso di prenderci un lungo weekend tutti insieme. In vacanza è necessario stringere un patto di fiducia per non isolarsi e noi per qualche giorno formeremo un unico grande nucleo.” E con le distanze di sicurezza? “Se nessuno ha sintomi né avuto contatti con positivi, non c’è bisogno di grandi precauzioni“, ha aggiunto Lopalco.

Il virologo Fabrizio Pregliasco dell’università degli Studi di Milano si concederà una pausa in Alto Adige, precisamente in Val Sarentino, mentre la collega Antonella Viola, spesso ospite di Lilli Gruber, ha prenotato una vacanza in Val di Fassa: “Farò delle ferrate, attività che ben si sposa con il Covid: bisogna usare i guanti e mantenere la giusta lontananza dai compagni” e avverte “l’importante è evitare assembramenti, non cambia se si va in uno stabilimento balneare o in un rifugio a 2 mila metri, basta che non siamo affollati.”

C’è anche chi è già in vacanza come Massimo Ciccozzi, epidemiologo dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, in spiaggia a Otranto: “Prendo il sole e quando sono sul lettino non porto la mascherina, perché dove sono io lo spazio tra un ombrellone e l’altro è sufficiente.” Matteo Bassetti, direttore della clinica Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, invece racconta: “Ho un piccolo motoscafo ormeggiato a Celle Ligure, in provincia di Savona. Andremo a fare qualche giro in mare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

I Fatti Vostri, Demo “si ritrova a non avere più un futuro, per colpa di chi?”. Parla Marcello Cirillo

next