BioExcel, uno dei principali centri europei di ricerca biomolecolare computazionale, ha deciso di concedere l’accesso ai propri supercomputer e ai propri software all’avanguardia ai ricercatori di tutta Europa, per aiutarli nel percorso di studio del Covid-19. Anche se adesso le cose sembrano andare meglio in Italia, in molte altre parti del mondo la pandemia non accenna a rallentare e nessuno può sapere quali saranno gli scenari possibili per il prossimo autunno. Per questo, sin da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la pandemia, è stato chiaro a tutti i ricercatori che sarebbe stato necessario uno sforzo congiunto per combatterla, basato sulla condivisione dei dati e delle tecnologie e il coordinamento delle azioni.

Per questo BioExcel ha deciso di condividere con i ricercatori europei le proprie applicazioni software all’avanguardia e di fornire supporto in aree critiche per la comprensione dei meccanismi di attacco del virus e delle possibili strategie per neutralizzarlo, come la modellizzazione integrativa biomolecolare o le simulazioni di dinamica molecolare. “Sia il settore pubblico che quello privato stanno compiendo enormi sforzi concertati per affrontare questa crisi”, ha dichiarato Rossen Apostolov, direttore esecutivo di BioExcel. “Non vi è dubbio che la scoperta di un vaccino e di una cura sarà di fondamentale importanza per controllare a lungo termine la diffusione del Sars-Cov2, nonché i patogeni correlati”.

Due sono soprattutto le risorse che BioExcel ha messo a disposizione dei ricercatori: Gromacs, un’applicazione che consente di utilizzare contemporaneamente centinaia di migliaia di processori informatici per simulazioni estremamente veloci di sistemi biologici, e Haddock, uno strumento sviluppato dall’Università di Utrecht e utilizzato da oltre 17mila ricercatori in tutto il mondo, che serve a studiare le complesse interazioni tra il virus e le proteine umane e prevedere come le piccole molecole dei farmaci possano attaccare e inibire il virus. Per dare un’idea dei vantaggi, basta dire che il team di Haddock, sfruttando la capacità di calcolo messa a disposizione dalla piattaforma European Open Science Cloud, ha potuto esaminare oltre 2mila farmaci in appena tre giorni.

“Solo attraverso sforzi coordinati e strette collaborazioni tra università e industria saremo in grado di superare le pandemie come quella da Covid-19”, ha commentato il direttore scientifico di BioExcel Erik Lindahl. “Centri come BioExcel svolgono un ruolo vitale nel facilitare questa collaborazione e sviluppare le competenze di cui abbiamo bisogno per avere successo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audio Technica ATH-M50XGM, cuffie monitor professionali su Amazon con sconto del 41%

next
Articolo Successivo

ASUS ROG Stryx Electro Punk: le periferiche per il gaming diventano trendy

next