di Michele Ambrosini

Gli ultimi due anni non sono stati facili per il presidente francese Emmanuel Macron. Il suo governo, spesso accusato di fare gli interessi delle grandi aziende e delle classi sociali più agiate, si è dovuto scontrare prima con le proteste dei Gilets Jaunes, scaturito dall’aumento delle imposte sulla benzina, in seguito con il più lungo sciopero nella storia della repubblica francese, causato dal tentativo di riforma delle pensioni.

Che il giovane partito La République en Marche (Lrm) fosse calato nei consensi era indubbio, ma le ultime elezioni municipali, caratterizzate da una fortissima astensione al voto, ne hanno sancito la débacle. A Parigi è stata riconfermata la sindaca socialista Anne Hidalgo, mentre il partito ecologista si è imposto in città importanti come Lione, Bordeaux e Strasburgo.

Paradossalmente, anche l’unico successo de Lrm, l’elezione a sindaco di Le Havre del primo ministro Edouard Philippe, potrebbe causare qualche problema a Macron, in quanto lo stesso Edouard si è dimesso dall’incarico nel governo per andare a ricoprire la nuova carica.

A due anni dalla fine del mandato, Macron è costretto a una corsa per riguadagnare almeno una parte dell’elettorato. Per farlo, sembra che il presidente abbia deciso di dare una svolta ecologista al suo governo, una scelta chiaramente motivata dal recente trionfo dei Verdi francesi.

Settimana scorsa, il presidente francese ha incontrato i 150 membri della Convention citoyenne pour le climat, dichiarando che 146 delle 149 proposte avanzate dalla convenzione verranno trasmesse al parlamento, impegnandosi a investire 15 miliardi di euro nei prossimi due anni per la transizione verso un’economia più sostenibile e aprendo alla possibilità di un referendum “per l’introduzione di nozioni di biodiversità, ambiente e lotta contro il riscaldamento climatico” nell’articolo 1 della Costituzione francese. Secondo il capo di stato, questi passi segnano l’inizio di una nuova strada da intraprendere per il suo governo.

Per ora, i suoi annunci sono stati accolti con scetticismo da buona parte della popolazione. Secondo un sondaggio effettuato da Yougov, il 66% degli elettori ritiene che Macron non abbia finora fatto abbastanza per l’ambiente, mentre il 58% ha dichiarato di non ritenere sincere le ultime dichiarazioni in merito alla transizione verso un’economia sostenibile.

I prossimi due anni riveleranno se il presidente francese ha davvero la volontà e lo spazio di manovra per effettuare questa svolta ecologista.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, dopo Lisbona Conte in Spagna con Sanchez: “Accordo prima di fine luglio”. Anche Merkel spinge: “Intesa entro l’estate”

next
Articolo Successivo

Mes, i sovranisti tornano sui cavalli di battaglia: Spagna e Giappone. Ma la realtà lì è ben diversa

next