“Ritirare immediatamente l’ordinanza che porterebbe alla morte dell’orso”: questa è la richiesta del Wwf e di quasi 65mila firmatari di una petizione lanciata su Change.org e diretta al presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. Una petizione nata per un episodio specifico, ma che affronta un problema che ciclicamente si presenta in Trentino. L’ultimo caso è quello di un orso che ha attaccato un uomo e suo figlio – entrambi cacciatori – a Torosi lo scorso 22 giugno. Secondo il Wwf Italia, però, “le cause dell’accaduto non sono ancora del tutto chiare e le informazioni attualmente in possesso delle Autorità non possono ritenersi sufficienti a motivare (dopo il suo riconoscimento e identificazione) l’abbattimento dell’orso”.

Per questi motivi, l’associazione ambientalista ha inviato una “diffida formale” al presidente della Provincia Autonoma di Trento chiedendo la revoca dell’ordinanza “Intervento di monitoraggio, identificazione e rimozione di un orso pericoloso per l’incolumità e la sicurezza pubblica del 24/06/2020”.Diffida supportata dalla raccolta firme. “Non è il primo orso che viene condannato a morte in Trentino si legge nel testo della petizione – per questo vanno fermati gli abbattimenti ‘automatici’ di tutti gli orsi coinvolti in incontri ravvicinati o incidenti, modificando il testo del Piano D’Azione per la Conservazione dell’Orso sulle Alpi, che prevede la possibilità di abbattimento anche in caso di orsi che hanno semplicemente fatto ciò che la natura gli ha insegnato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, non è facile capire l’entità dei recenti disastri ambientali quando si è ostacolati

next