Accesa polemica a “Omnibus” (La7) tra l’europarlamentare del M5s, Dino Giarrusso, e la conduttrice della trasmissione, Alessandra Sardoni. Nel corso del programma, Giarrusso lamenta di essere interrotto e contraddetto dalla giornalista, che difende il suo “dovere di punteggiare cose dette in modo apodittico”.
Lo scontro deflagra quando l’europarlamentare si sofferma sul reddito di cittadinanza: “Ci sono alcuni esponenti del Pd che non amano il reddito di cittadinanza, che per noi è una riforma insostituibile e che peraltro si è rivelata particolarmente utile”.
Sardoni lo interrompe e Giarrusso non ci sta: “Lei non ha interrotto Toti e nessun ospite. Fa solo con me questa cosa del ‘punteggiare’. Io sono affascinatissimo“.

La conduttrice ribatte: “Ci sono i navigator che non stanno facendo niente, tutti gli articoli di giornali segnalano che ci sono percentuali bassissime”.
“Come non stanno facendo niente? – replica Giarrusso – Lei non ha idea di quello che stanno facendo i navigatori. E’ molto insultante che non stanno facendo niente, lo sa? Lo sa quanti problemi hanno risolto i navigator in questo periodo?”.
“Quanti posti di lavoro hanno trovato?”, chiede reiteratamente la giornalista.
“Le farei parlare coi nostri navigator – continua Giarrusso – Si stanno occupando della risoluzione di questioni molto importanti, perché c’è stata una pandemia anche per le persone che cercavano lavoro”.

Il battibecco continua per qualche minuto e l’europarlamentare pentastellato chiosa: “Mi fa piacere che il dibattito sia solo con me e che lei contraddica solo me. Penso anche che ci sarà un motivo. Punteggi anche gli altri suoi ospiti, perché è molto particolare il fatto che lei queste punteggiature le faccia solo con me. Ho sentito parlare Toti in assoluta libertà, come è suo diritto, per carità, però quando parlo io, lei dopo 3 secondi mi interrompe e mi parla sopra. Si riveda la puntata: ha interrotto solo me. Poi mi spieghi come mai solo con me le viene il desiderio di intervenire e con gli altri ospiti, a partire dal governatore Toti, questo non accade”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini: “Tetto al contante? È una sciocchezza, gli italiani faranno acquisti all’estero”

next
Articolo Successivo

La7, per la leghista Ceccardi Imagine è una “canzone marxista”: “Lo ha detto anche Lennon”. Revelli: “Le consiglio corso di cultura del ‘900”

next