Da oltre sette secoli vegliano sulla Torre di Londra. Si chiamano Beefeater e sono i soldati di Sua Maestà: ora, causa covid-19, rischiano il licenziamento. Il motivo? Il loro stipendio era pagato dai biglietti e dagli abbonamenti ma anche da eventi e sponsor: la chiusura della Torre imposta dalla pandemia ha però cambiato tutto e l’Hampton Court Palace e Banqueting House ha fatto sapere che senza un aiuto economico i guardiani saranno licenziati. Arriveranno soldi dal governo del Regno Unito? Difficile, scrive La Stampa: L’Historic Royal Palaces, che sovrintende a cinque siti intorno a Londra e uno nell’Irlanda del Nord ha dichiarato che le entrate si sono ridotte di oltre l′85% e che non è ammissibile al finanziamento delle imprese dal governo a causa del suo status di ente di beneficenza. Insomma, verrà salvata questa tradizione centenaria? Per diventare guardiani della Torre di Londra occorre essere ex militari e aver prestato servizio per almeno 22 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il giallo della soldatessa Vanessa: la sua sparizione, due cadaveri ritrovati, un sospetto che si uccide e l’ex moglie di un altro soldato arrestata

next
Articolo Successivo

Triatleta 22enne si toglie la vita dopo aver denunciato abusi: “Piangeva ogni giorno, veniva picchiata come un cane. Ha preferito morire”

next